SFONDO ASSOS
INBICI STORE BANNER TOP NERO
INBICI STORE BANNER BIANCO TOP
Home > G News > CIAO MARANGA, SORRIDENTE FATICATORE
Hammer Series Limburg 2018 - Hammer Sprint - 02/06/2018 - Alan Marangoni (ITA - Nippo - Vini Fantini) - photo Davy Rietbergen/CV/BettiniPhoto©2018

CIAO MARANGA, SORRIDENTE FATICATORE

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


Alan Marangoni appende la bici al chiodo. Dalla prossima stagione, uno dei gregari “old style” del ciclismo contemporaneo non sarà più in gruppo. E certamente, la sua assenza si farà sentire. Passato professionista nel 2009 nella squadra della famiglia Reverberi, a partire dal 2011 il romagnolo entra a far parte di una squadra italiana che era tra le più forti al mondo, la Liquigas-Cannondale. Ed è lì che Marangoni, instancabile faticatore, si ritaglia un ruolo importante; un ruolo che, probabilmente, è destinato a sparire, quello del gregario di una volta, quello che lavora tutto il giorno senza proferir parola.

Solo, lì davanti, a far fatica per i propri capitani. A prendere vento in faccia, a sfidare la pioggia e il caldo, per permettere agli altri di vincere. A lavorare quando le telecamere sono ancora spente. A staccarsi quando la corsa entra nel vivo, perché il lavoro è terminato. E quando hai davanti dei signori come Peter Sagan, Vincenzo Nibali e Ivan Basso, c’è poco da fare: devi lavorare, e tanto.

Marangoni è stato uno degli uomini di fiducia di Peter Sagan quando militava nella formazione italiana. Le pietre del Belgio e della Francia erano diventate la sua seconda casa, proprio lì, dove sono state scritte pagine eroiche della storia ciclismo. Alan non ha mai avuto paura della fatica, si è sempre presentato al via di gare importanti come la Parigi-Roubaix sempre con il sorriso sulle labbra, e con la consapevolezza che il suo mestiere, quello del gregario, è sinonimo di fatica.

Di fatica, Maranga ne ha fatta davvero molta. E ora, che ha deciso di scendere dalla bicicletta, la vita sarà diversa. Solo una cosa non dovrà mai cambiare: la voglia di lottare, di essere sempre pronti a sacrificarsi per la vittoria.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi:

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

Banner archivio Blog - Shimano
DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
BELTRAMI TSA BLOG NEWS
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *