MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
CICLOPROMO MagicShine - BANNER TOP SETTEMBRE
DIPA BANNER TOP
Women's Junior Time Trial - Wollongong - Wollongong 14,4 km - 20/09/2022 - Zoe Backstedt (Great Britain) - photo Luca Bettini/SprintCyclingAgency©2022

MONDIALI 2022: BACKSTEDT SENZA RIVALI NELLA CRONO JUNIORES FEMMINILE. LONTANE LE AZZURRE


Zoe Backstedt è letteralmente di un’altra categoria. La ciclista britannica, figlia d’arte (il padre Magnus vinse la Parigi-Roubaix nel 2004, in cui mise al mondo proprio Zoe) e già impegnata in alcune gare professionistiche con la EF Educaton-TIBCO-SVB, stravince il titolo mondiale a cronometro juniores femminile in quel di Wollongong con una facilità disarmante e completando un meraviglioso poker con il Mondiale su strada dello scorso anno, affiancato dall’iride nel ciclocross e nella Madison di questa stagione. 

Lo si era intuito già prima della gara che voleva riscattare il secondo posto dello scorso anno, e difatti non ha fatto prigionieri senza lasciare scampo alle avversarie. Con la sua pedalata già a livello delle professioniste, la Backstedt ha instradato subito il successo verso di lei, toccando costantemente i 50 all’ora durante la gara e dominando in 18’26”78. 

Championships Wollongong – Women’s Junior Time Trial – Wollongong – Wollongong 14,4 km – 20/09/2022 – Zoe Backstedt (Great Britain) – Justyna Czapla (Germany) – Febe Jooris (Belgium) – photo Luca Bettini/SprintCyclingAgency©2022

Le altre ci provano, ma non hanno letteralmente speranza contro un’avversaria che è a tutti gli effetti una professionista. La tedesca Justina Czapla, campionessa europea in carica, si conferma la migliore delle altre con il secondo posto ad 1’35” dalla Backstedt (che le aveva dato 50” già dopo 7 chilometri); lotta serrata invece per il bronzo, con sei cicliste in sei secondi, a prendersi l’ultimo posto sul podio è la belga Febe Jooris con poco più di tre decimi sulla ceca Eliska Kvasnickova.

Gara difficile per le azzurre. La migliore è Alice Toniolli, autrice di una prova discreta valevole per il quindicesimo posto a 2’21” dalla britannica. Non giudicabile invece Federica Venturelli, ventiquattresima a tre minuti: arrivata in Australia con ambizioni di podio, ieri è stata vittima di una brutta caduta durante la ricognizione del percorso, venendo anche trasportata in ospedale. L’azzurra ha voluto esserci comunque, bardata da vistose fasciature su braccia e polpaccio destro, ma il coraggio non le è bastato per poter essere competitiva.

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

REVELETOR ALTO  BANNER NEWS 5
BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY
SHIMANO 105 BANNER BLOG AGOSTO
SHIMANO SELLA STEALTH DI PRO BIKE GEAR BANNER BLOG AGOSTO
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
CICLOPROMO SETTEMBRE - BANNER SOPRA TOP NEWS
SCOTT BANNER NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.