SFONDO ASSOS
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
MAGNETC DAYS 3 TOP BANNER
Home > G News > COMMENTOUR – DAL GOMITO LARGO AL DITO MEDIO, IN GRUPPO C’E’ TROPPO NERVOSISMO
Tour de France 2020 - 107th Edition - 11th stage Chatelaillon Plage - Poitiers 167,5 km - 09/09/2020 - Peter Sagan (SVK - Bora - Hansgrohe) - Wout Van Aert (BEL - Team Jumbo - Visma) - Sam Bennett (IRL - Deceuninck - Quick Step) - Caleb Ewan (AUS - Lotto Soudal) - photo Kei Tsuji/BettiniPhoto©2020

COMMENTOUR – DAL GOMITO LARGO AL DITO MEDIO, IN GRUPPO C’E’ TROPPO NERVOSISMO

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


C’è troppo nervosismo nel gruppo che sta affrontando il Tour de France. Quale sarà il motivo? Difficile dirlo. In pochi metri, oggi ne abbiamo viste di ogni: dai gomiti larghe alle manovre in stile autoscontro. Per fortuna non è caduto nessuno, l’importante è sempre non farsi male. Poi, per il resto, a tutto c’è rimedio. 

Tour de France 2020 – 107th Edition – 11th stage Chatelaillon Plage – Poitiers 167,5 km – 09/09/2020 – Peter Sagan (SVK – Bora – Hansgrohe) – Wout Van Aert (BEL – Team Jumbo – Visma) – Sam Bennett (IRL – Deceuninck – Quick Step) – Caleb Ewan (AUS – Lotto Soudal) – photo Kei Tsuji/BettiniPhoto©2020

Dispiace vedere che due corridori come Peter Sagan e Wout Van Aert non siano riusciti a chiarirsi dopo lo sprint di quest’oggi, vinto da Caleb Ewan. Il corridore belga ha affermato, ai microfoni dei giornalisti, che non c’è stato modo di poter parlare con lo slovacco, il quale aveva probabilmente più energie del portacolori della Jumbo-Visma, ma ha cercato di effettuare una manovra nella quale era necessario sfidare la forza di gravità per riuscire nell’impresa. 

Credo, dal mio punto di vista, che siano state le abilità da crossista di Van Aert che hanno permesso al belga di rimanere in piedi dopo la manovra del tre volte campione del mondo. Dal canto suo, dispiace anche vedere Wout che alza il dito medio verso Sagan subito dopo il traguardo. 

ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
Shimano Banner archivio Blog
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS

E’ stata una giornata nervosa in gruppo. Forse domani è meglio sostituire gli ènergy drink con la più semplice camomilla. Il nervosismo non fa bene a nessuno, e non permette di avere risultati. E’ difficile dire come sarebbe andata senza la scorrettezza di Sagan: Van Aert stava facendo una volata con i fiocchi, ma alla fine possiamo dire che ha vinto il più forte, Caleb Ewan, che ha vinto alla sua maniera, uscendo fuori solo negli ultimi 30 metri.

Calmatevi, ragazzi. Il Tour de France è lungo. Ci sarà ancora tempo per recuperare. 

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
Shimano Banner archivio Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *