Sfondo Assos SFONDO COSMOBIKESFONDO ASSOS
TOP Shimano
Assos Top
Home > gn > COMMENTOUR – E’ IL TOUR DEGLI INCIVILI. E LA DEVONO PAGARE
Tour de France 2018 - 105th Edition - 15th stage Millau - Carcassonne 181 km - 22/07/2018 - Scenery - Viaduc de Millau - photo Vincent Kalut/PN/BettiniPhoto©2018

COMMENTOUR – E’ IL TOUR DEGLI INCIVILI. E LA DEVONO PAGARE

Condividi

La seconda settimana del Tour de France 2018 resterà nella storia come settimana degli incivili. In quale altro modo può essere definito quello che è successo in questi giorni? Dalla caduta di Vincenzo Nibali allo strattonamento di Chris Froome, fino al fumogeno lanciato oggi nel cuore del gruppo che stava procedendo compatto.

Abbiamo già scritto ieri che il Team Bahrain Merida sta pensando di fare causa ad ASO, società organizzatrice del Tour, per chiedere loro i danni, in quanto Vincenzo è stato fatto fuori da un problema che può essere imputato al comitato organizzatore. La stessa ASO, a sua volta, vuole fare causa allo spettatore che ha spinto Froome e agli altri che hanno lanciato i fumogeni.

Purtroppo la piega che la corsa sta prendendo è quella di una corsa verso i tribunali. E di certo non è questo lo spettacolo che vogliamo vedere: mille volte meglio una tappa noiosa (come in questi due giorni) che una tappa animata da quattro imbecilli che mettono in pericolo i corridori con i propri atteggiamenti infantili.

Il tifoso del ciclismo è colui che RISPETTA i corridori. Li applaude tutti, magari può non applaudire il corridore meno simpatico, ma viene riconosciuto che tutti fanno la stessa fatica.

Lanciare un fumogeno vuol dire non permette a un corridore nè di vedere nè di respirare. E la gente che picchia non può stare a bordo strada.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos

Ti potrebbero Interessare

BIKE SHARING: OBIKE LASCIA ROMA, L’INCIVILTA’ RIMANE

CondividiOrmai la notizia è arrivata sulla bocca di tutti: Obike, il servizio di bike sharing …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *