SFONDO ASSOS
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER
MAGNETC DAYS 3 TOP BANNER
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
Home > G News > COVID-19, E SE UN CORRIDORE VENISSE CONTAGIATO? LE REGOLE MANCANO ANCORA…
photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2020

COVID-19, E SE UN CORRIDORE VENISSE CONTAGIATO? LE REGOLE MANCANO ANCORA…

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


L’Unione Ciclistica Internazionale ha pubblicato un documento di 13 pagine dal titolo “riapertura della stagione del ciclismo su strada nel contesto della pandemia di Coronavirus”, creato dal professor Xavier Bigard, direttore medico dell’UCI.

ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
Shimano Banner archivio Blog
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA

Il documento comprende informazioni sulla valutazione del rischio pre-gara, la creazione di bolle per proteggere i team, il test pre-gara per il COVID-19 e il distanziamento sociale.

Tuttavia, ci sono solo quattro righe su ciò che potrebbe accadere se un sospetto caso di Coronavirus insorgesse in una squadra o in gruppo. In particolare, il documento recita: “La gestione dei casi clinici sarà effettuata in accordo con il servizio sanitario locale e in conformità con le linee guida dell’OMS“.

Santos Tour Down Under 2020 – 5th stage Glenelg – Victor Harbor 149,1 km – 25/01/2020 – Scenery – Peloton – photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2020

Ma cosa può succedere se dovesse esserci una persona positiva al COVID-19 all’interno di una squadra? Se dovesse succedere durante il Tour de France, che si svolgerà tra meno di due mesi, la corsa dovrà essere annullata (come accaduto per lo UAE Tour) oppure si potrà continuare a gareggiare? Secondo quanto riporta Stephen Farrand di Cyclingnews, i medici delle squadre starebbero letteralmente navigando nel buio. Uno dei medici di una delle più importanti formazioni professionistiche, che ha preferito rimanere anonimo, ha affermato: “Il ciclismo è diverso dagli altri sport, non siamo come il calcio, la bolla di squadra e le bolle di gruppo sono molto più grandi.

Santos Tour Down Under 2020 – 4th stage Norwood – Murray Bridge 152,8 km – 24/01/2020 – Scenery – Peloton – photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2020

L’UCI afferma che deciderà in base ai protocolli medici di ciascun Paese e gli organizzatori della gara devono avvertirci due settimane prima sulle linee da seguire, ma questo rende le cose molto complicate. Le squadre correranno in Spagna, poi in Italia, Francia, Belgio e altrove. Il professor Bigard e tutte le altre persone coinvolte hanno lavorato duramente sui protocolli, ma penso che dobbiamo conoscere le procedure per ogni possibile scenario quando si tratta di casi sospetti. I corridori e le squadre devono sapere che cosa potrebbero affrontare il prima possibile. “

Condividi:

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
Shimano Banner archivio Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *