SFONDO ASSOS
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER

DAL MONDIALE AL CICLOTURISMO, IMOLA AL CENTRO DEL MONDO DELLE DUE RUOTE


L’autodoromo Enzo e Dino Ferrari di Imola al centro di una serie di percorsi cicloturistici che attraversano la Via Emilia e salgono sulle vette appenniniche, seguendo le orme dei grandi campioni del ciclismo. 

Cosa accomuna Vittorio Adorni e Julian Alaphilippe? Una città, l’emiliana Imola; e una maglia, quella iridata. Sono, infatti, i due vincitori dei Campionati Mondiali di Ciclismo su Strada che si sono disputati ad Imola rispettivamente nel 1968 e nel 2020. Quella di Vittorio Adorni, parmigiano, fu una vittoria in solitaria, un’impresa epica di cui ancora si ha memoria nel mondo del ciclismo; quella di Alaphilippe, invece, sarà probabilmente ricordata per il contesto storico in cui è avvenuta: una delle prime gara ciclistiche in epoca Covid, tra restrizioni e controlli. 

Road World Championships Imola 2020 – Men Elite Road Race – Imola – Imola 258,2 km – 27/09/2020 – Julian Alaphilippe (FRA – Deceuninck – Quick Step) – photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2020

Ed è proprio dal’Autodromo Enzo e Dino Ferrari che si snodano anche diversi percorsi cicloturistici, di differenti difficoltà, che si adattano sia ad allenamenti individuali sia a passeggiate domenicali in famiglia e che possono essere percorsi sia con biciclette da trekking, sia con gravel e bici da strada. Il primo è un percorso che si snoda per circa 18 chilometri e che parte proprio dal’Autodromo: tra strappi decisi – tra cui il Circuito dei Tre Monti – e lunghi rettilinei si conclude sempre all’Autodromo. Un tragitto che affonda le radici nella storia del ciclismo, ripercorrendo proprio i tratti di salita e i pendii collinari che caratterizzarono la solitaria fuga di Vittorio Adorni nel 1968. Usciti dal’Autodromo, il percorso attraversa il Parco delle Acqua Minerali di Imola, scoperto nel 1830 e depositario di sorgenti curative ed acque sulfuree. Da qui si sale al Santuario del Ghiandolino, un luogo di pellegrinaggio dove è custodito l’immagine della Madonna del Ghiandolino, ritrovato nel 1868. Tornati all’Autodromo di Imola è, infine, possibile visitare il Museo Checco Costa, dedicato ai motori. 

SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
CICLOPROMOCOMPONENTS  BANNER BLOG NEWS

INFO PERCORSO

Chilometri totali: 18,4 

Dislivello totale 318 metri 

Traccia GPS: https://www.imolafaenza.it/wp-content/road-bike/legend1_tremonti.gpx  

Per gli amanti della Gravel il percorso ideale è quello denominato “Legend 2”: un vero e proprio tuffo nel passato e nel ciclismo eroico, dove i veri protagonisti sono ghiaia e sterrato. Attraversando le strade bianche della campagna bolognese ed imolese si arriva ai primi rilievi collinari, in un percorso di circa 75 chilometri. La partenza è fissata nel Comune di Mordano, proprio all’ingresso della cittadina dove due “torri gemelle” accolgono i turisti dell’antico nucleo fortificato. Seconda tappa è il torrione sforzesco di Bubano, un tempo Comune indipendente, ora accorpato allo stesso Mordano. Da qui si procede verso Castel San Pietro Terme, dove il percorso inizia a salire e si avvicina – non dopo essere sostato al Cassero, una costruzione del 1199 oggi sede del Teatro Comunale – alla zona collinare, caratterizzata da valli, aree boschive e calanchi. Proseguendo verso Dozza ed iniziando la graduale discesa, si arriva al Santuario francescano di Piratello, uno dei più antichi della zona di Imola. Il circuito si conclude con il ritorno a Mordano. 

INFO PERCORSO 

Chilometri totali: 75,7 

Dislivello totale: 561 metri 

Traccia GPS: https://www.imolafaenza.it/wp-content/road-bike/legend2_stradebianche.gpx

Da Castel San Pietro Terme parte anche un percorso di 60 chilometri incentrato sul benessere personale e sulla natura incontaminata della Valle del Sillaro. Per godersi appieno le caratteristiche del territorio, il consiglio è quello di sostare almeno un weekend, in modo da unire alla fatica della bicicletta anche il relax termale. Il percorso è adatto per le bici da strada e, con un dislivello che supera gli 800 metri, è consigliato per chi ha un buon allenamento sulle gambe. Dalla Fonte Fegatella di Castel San Pietro si sale verso Sassoleone, una frazione di Casalfiumarese caratterizzata dalla presenza di sorgenti salsoiodiche: appartenuto a Matilde di Canossa è stato nel 1127 alla Chiesa Imolese e divenne poi dominio diretto dalla Santa Sede. Giunti nel punto di dislivello più alto, inizia la discesa verso Dozza, un antico borgo caratterizzato dalle pitture murarie e da un castello fortificato. Passando per la frazione di Toscanella, in un ultimo tratto pianeggiante si fa ritorno a Castel San Pietro Terme. 

INFO PERCORSO 

Chilometri totali: 57,2 

Dislivello totale: 847 metri 

Traccia GPS: https://www.imolafaenza.it/wp-content/road-bike/spa1_castelsp.gpx  

Per gli amanti della natura e della mountain bike il percorso perfetto è quello denominato “Nature 2”. La partenza è sempre l’Autodromo di imola. Un tragitto pianeggiante, che si snoda tra la campagna di Imola, Castel San Pietro e che attraversa l’Oasi Naturale del Quadrone. L’Oasi, a cui si arriva dopo aver attraversato Castel San Pietro e Medicina, è una zona umida di pianura: nella valle circostante trovano rifugio numerose specie di animali e di vegetali; mentre nella zona lagunare vivono specie protette. Terminata la parte di percorso che attraversa l’Oasi del Quadrone si arriva a Castel Guelfo, un borgo medievale costruito come baluardo di difesa della città di Medicina per poi tornare all’autodromo di Imola. 

INFO PERCORSO 

Chilometri totali: 67,5 

Dislivello totale: 250 metri 

Traccia GPS: https://www.imolafaenza.it/wp-content/road-bike/nature2_quadrone.gpx

Il percorso “Taste 2” è l’ideale per coloro che vogliono coniugare lo sport alla scoperta dei prodotti tipici enogastronomici del territorio. Un tracciato di oltre 100 chilometri che, partendo da Dozza, riscopre i vini locali e le due eccellenze IGP imolesi, il marrone di Castel Rio e lo scalogna di Romagna tipico di Riolo Terme. Da Dozza si sale verso Sassoleone, per poi riaccendere a Castel del Rio dove, a Palazzo Alidosi, si trova il Museo del Castagno perno dell’economia locale. Una lunga salita, con un dislivello importante, porta i cicloturisti a “La Faggiola” e a Casola Valsenio dove si trova il Parco dei frutti dimenticati, con i prodotti del passato. Casola Valsenio è anche sede della Casa Natale di Alfredo Oriani, uno dei padri fondatori del turismo in bicicletta: una vista alla sua Casa Museo permetterà di ammirare anche la bicicletta con cui nel 1897 compì un viaggio solitario tra Romagna e Toscana. Il percorso riaccende verso Riolo Terme e Castelbolognese, dove si può ammirare il Mulino Scodellino, ultimo esempio esistente della serie di mulin  i del 1400 sorti sulla’omonimo canale: Una leggera salita riporta ad Imola e quindi a Dozza: qui il percorso si conclude con una vista all’Enoteca Regionale, custodita nella Rocca Sforzesca. 

INFO PERCORSO 

Chilometri totali: 67,5 

Dislivello totale: 250 metri 

Traccia GPS: https://www.imolafaenza.it/wp-content/road-bike/food2_dozza.gpx  

Ultimo percorso, con partenza dall’autodromo, lo dedichiamo all’arte. Una pedalata di una trentina di chilometri – che ben si adatta anche alle gite domenicali – si passa a fianco di antichi palazzi, rocche e musei che raccontano il passato e il presente del territorio imolese. A Imola due le soste che si possono fare: la prima è la Rocca Sforzesca, una fortezza del 1300 delimitata da quattro grandi torrioni; la seconda è il Museo di San Domenico che ospita le collezioni d’arte della città. Attarversata Imola si affronta un percorso a saliscendi che porta a Dozza, un museo a cielo aperto e poi al Santuario del Piratello. Ultimi chilometri di discesa, prima di riapprodare all’autodromo di Imola. 

INFO PERCORSO 

Chilometri totali: 31,4 

Dislivello totale: 463 metri 

Traccia GPS: https://www.imolafaenza.it/wp-content/road-bike/art2_imola.gpx

Articolo a cura di Chiara Corradi – Copyright InBici Magazine

SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
CICLOPROMOCOMPONENTS  BANNER BLOG NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *