SFONDO COSMOBIKESfondo Assos SFONDO ASSOS
Assos Top
TOP Shimano
Home > gn > E-BIKE, COSA PREVEDE IL CODICE DELLA STRADA?

E-BIKE, COSA PREVEDE IL CODICE DELLA STRADA?

Condividi

Il mercato delle e-bike è in continua espansione: le case produttrici di biciclette stanno puntando sempre di più sull’elettrico, e soprattutto iniziano ad essere molte le persone che stanno valutando l’idea di acquistare uno di questi mezzi per i piccoli spostamenti in città. La bici a pedalata assistita permette di spostarsi facilmente, e ormai le batterie presenti in commercio permettono di avere un’ottima autonomia di carica.

Anche il codice della strada regolamenta l’utilizzo della e-bike. Ecco quindi una piccola guida per muoversi al meglio rispettando i pedoni e gli altri utenti della strada.

1 – La bici a pedalata assistita ha un motore elettrico che serve solo da supporto al ciclista e lo aiuta a fare meno fatica. Il motore funziona fino ad una velocità di 25 km/h, norma valida in tutta Europa. Per questo tipo di bici elettrica non è obbligatoria l’assicurazione e non è necessario avere la patente.

2 – In e-bike è possibile percorrere le piste ciclabili. Sugli attraversamenti pedonali indicati con i quadrati messi a lato delle strisce, è possibile restare sulla sella della bici elettrica, riducendo la velocità di percorrenza. Se un attraversamento perdonale è caratterizzato da spazi stretti oppure è particolarmente affollato, allora scatta l’obbligo di scendere dalla sella e portare il veicolo a mano, per non intralciare gli altri utenti della strada e per non essere pericolosi per i pedoni.

3 – L’obbligo per le e-bike è di utilizzare luci gialle o bianche per la parte anteriore del mezzo, un catadiottro rosso invece va messo sul posteriore, che può essere eventualmente sostituito da una luce rozza attiva. Anche ai lati del telaio e sulle ruote vengono installati dei catadiottri di colore giallo, che aumentano la visibilità della bici al buio.

4 – Le biciclette elettriche consentono il trasporto dei bambini fino a 8 anni. Può essere quindi montato il seggiolino, a condizione che non intralci i movimenti e la visuale del conducente, e che sia omologato secondo lo standard EN14344.

5 – La normativa consente di montare un carrello anche sulle biciclette elettriche, a patto che lo stesso non abbia un’altezza superiore al metro e mezzo e il peso sia invece inferiore ai 50 kg. Il dispositivo deve essere equipaggiato con le stesse luci o i catadiottri usati per la bici.

6 – Anche se non è stato ancora istituito l’obbligo dell’utilizzo del casco, è sempre un’ottima regola indossarlo durante l’utilizzo.

7 – È tassativamente vietato utilizzare il cellulare mentre si guida la bici a pedalata assistita, ma è consentito montare accessori come navigatori e supporti per telefonini e action camera. Non è permesso ascoltare la musica con le cuffie, isolandosi completamente dall’esterno, perché si perde l’attenzione verso i rumori prodotti dagli altri veicoli e dai pedoni. Le chiamate telefoniche sono consentite soltanto utilizzando il vivavoce o l’auricolare.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP

Ti potrebbero Interessare

BIKE SHARING: OBIKE LASCIA ROMA, L’INCIVILTA’ RIMANE

CondividiOrmai la notizia è arrivata sulla bocca di tutti: Obike, il servizio di bike sharing …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *