MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
CICLOPROMO TOPEAK - BANNER TOP NOVEMBRE
DIPA BANNER TOP
UCI Hour Record cronometrato da Tissot tentativo Filippo Ganna - Grenchen - Velodrome Suisse AG - 08/10/2022 - Filippo Ganna (ITA - INEOS Grenadiers) - foto Ivan Benedetto/SprintCyclingAgency©2022

FILIPPO GANNA DOPO IL RECORD DELL’ORA: “VICINO A MERCKX, COPPI E MOSER PER UN ISTANTE. PER ORA MI FERMO QUI, NON FARÒ UN ALTRO TENTATIVO”


Sono felice perché non sono diventato Merckx, Coppi, Wiggins o Moser, però ho fatto un qualcosa che mi fa sentire un pochino vicino a loro, per un istante“. Filippo Ganna si è lasciato andare a questa constatazione ai microfoni della Gazzetta dello Sport dopo aver realizzato il Record dell’Ora. L’azzurro ha pedalato per 56,792 km al Velodromo di Grenchen e ha demolito i precedenti primati, scrivendo una vera e propria pagina di storia del ciclismo. Spinto da una cilindrata muscolare e da una bicicletta ultratecnologica, l’ex Campione del Mondo a cronometro è entrato nel mito del pedale.

UCI Hour Record cronometrato da Tissot tentativo Filippo Ganna – Grenchen – Velodrome Suisse AG – 08/10/2022 – Filippo Ganna (ITA – INEOS Grenadiers) – foto Ivan Benedetto/SprintCyclingAgency©2022

Per un istante accanto a icone assolute. Eddy Merckx e Fausto Coppi realizzarono a loro tempo il Record dell’Ora, oltre a vincere in serie Tour de France, Giri d’Italia, Classiche Monumento e entrare nell’immaginario collettivo. Vicino a Francesco Moser che firmò il record con le ruote lenticolari e poi gli venne tolto dall’UCI perché realizzato con bicicletta non “tradizionale”. Filippo Ganna è lontano da certi acmi ma stiamo parlando di un Campione Olimpico, Campione del Mondo e detentore del Record dell’Ora: ad avercene di fuoriclasse del suo indiscutibile calibro.

Tissot tentativo Filippo Ganna – Grenchen – Velodrome Suisse AG – 08/10/2022 – Filippo Ganna (ITA – INEOS Grenadiers) – foto Ivan Benedetto/SprintCyclingAgency©2022

Il 26enne della Ineos-Grenadiers ha proseguito nella sua analisi:Merckx disse che non lo avrebbe fatto mai più. Io per ora mi fermo qui, non farò un altro tentativo. Penso che sarà battuto perché la tecnologia va avanti. Magari ci riproverò a quel punto, ma facendo una cosa tipo Wiggins, a fine carriera. Mi fa male il sedere“. Una battuta sul dolore fisico inevitabile dopo aver pedalato per un’ora a quas 57 km di media oraria.

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

REVELETOR ALTO  BANNER NEWS 5
BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY
SHIMANO 105 BANNER BLOG AGOSTO
SCOTT BANNER NEWS
SHIMANO BANNER S-PHYRE BLOG NOVEMBRE
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
KTM XSTRADA MASTER BANNER NEWS 6
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
CICLOPROMO NOVEMBRE MAGICSHINE- BANNER SOPRA TOP NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *