SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO ASSOS
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
TOP Shimano
Home > gn > GIRO DI COMMENTI – PIU’ BENEDETTI, MENO RITIRI
Giro d'Italia 2019 - 12th Stage Cuneo - Pinerolo 158 km - 23/05/2019 - Jay McCarthy (AUS - Bora - Hansgrohe) - Cesare Benedetti (ITA - Bora - Hansgrohe) - photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2019

GIRO DI COMMENTI – PIU’ BENEDETTI, MENO RITIRI


Le giornate, al Giro d’Italia, a volte si evolvono in modo strano. Iniziano con delle notizie, magari non troppo buone, e terminano con altre che ti fanno dimenticare quello che è successo precedentemente. Una bella Cuneo-Pinerolo, non paragonabile a quella vinta da Fausto Coppi ma comunque vivace, ha finalmente acceso un Giro d’Italia che sembrava essere aperto solo ai velocisti. E infatti questi ultimi, quando hanno visto la strada impennarsi, hanno deciso di tagliare la corda. Già me li immagino, dopo il traguardo di ieri: “C’è una salita da affrontare? Non ci pensiamo neanche a soffrire. Meglio andare a preparare il Tour”. 

Elia Viviani ha preso una decisione che è stata, probabilmente, una diretta conseguenza del fatto che per tutto il Giro d’Italia non è mai riuscito a raggiungere il top della forma. In volata cambiava traiettoria, non si fidava dei suoi compagni e quelli della giuria gli hanno pure tolto (giustamente) un successo. E’ difficile da affrontare tutto questo, meglio abbandonare il Giro, in barba alla maglia tricolore. 

Ma ancora peggiore è stato il gesto di Caleb Ewan. Il “vinco e mi ritiro”, per il tifoso del ciclismo, è quasi paragonabile a un tradimento. Fino a ieri ci hai fatti divertire e oggi non ci sei più? E così anche i tifosi sono costretti a ingoiare bocconi amari. 

Poi, alla fine della tappa, vedi esultare un ragazzo che non è mai stato un vincente. Uno di quelli che devono fare fatica quando le telecamere sono ancora spente: perché il ciclismo è uno sport di squadra, e il gregario deve rispettare certe gerarchie. Cesare Benedetti lo sa bene: una vita passata tra NetApp e Bora-hansgrohe, sempre a lavorare per gli altri. Cosa puoi fare quando in squadra hai Sagan, Formolo e Majka? Nulla, lavorare per loro. E guai a prenderti una giornata libera. Gli obiettivi sono tanti, ci sono anche le volate con Ackermann. 

Benedetti non disobbedisce: ha la giornata libera, va in fuga, attacca, va in crisi, si gestisce e vince in maniera formidabile. I tanti anni vissuti come gregario si trasformano in una giornata di gloria. 

Molto probabilmente, da domani, le luci della ribalta per Benedetti si spegneranno. Ma, forse, questa vittoria non è venuta a caso. Quelli che dicono “vinco e poi mi ritiro” dovrebbero imparare da gente come Benedetti e Cataldo, che ogni giorno si sacrificano e che ogni tanto hanno una libera uscita. Il ciclismo è saper soffrire, saper conquistare il traguardo. Questa è la sua essenza. Ecco perché non bisogna mai mollare. 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos
PISSEI BANNER BLOG+ NOTIZIE
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
DANILO DI LUCA BANNER BLOG

Ti potrebbero Interessare

FOCUS SUL PRODOTTO: SRAM FORCE ETAP AXS IN PROVA

Abbiamo effettuato il test del secondo reparto trasmissione wireless della Casa americana, quello a dodici …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *