SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO ASSOS
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
TOP Shimano
Home > gn > GIRO D’ITALIA 2019, ACKERMANN CONCEDE IL BIS – MOSCHETTI MIGLIOR ITALIANO
Giro d'Italia 2019 - 102nd Edition - 5th stage Frascati - Terracina 140 km - 15/05/2019 - Pascal Ackermann (GER - Bora - Hansgrohe) - Fernando Gaviria (COL - UAE - Team Emirates) - photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2019

GIRO D’ITALIA 2019, ACKERMANN CONCEDE IL BIS – MOSCHETTI MIGLIOR ITALIANO

Pascal Ackermann lascia il segno anche a Terracina. Il portacolori della Bora – Hasngrohe fa sua la quinta tappa del Giro d’Italia 2019, riuscendo nei metri finali a superare Fernando Gaviria (UAE Team Emirates), centrando così il suo secondo successo in questo Giro. Completa il podio Arnaud Démare (Groupama – FDJ), mentre il migliore degli italiani è Matteo Moschetti (Trek – Segafredo) quinto con Paolo Simion (Bardiani – CSF) settimo, Giovanni Lonardi (NIPPO – Vini Fantini) nono e Manuel Belletti (Androni – Sidermec) decimo.

Nessun problema per Primoz Roglic (Jumbo – Visma) che, complice la neutralizzazione dei tempo al primo passaggio sulla linea del traguardo, conserva la maglia rosa davanti a Simon Yates (Mitchelton – Scott) e Vincenzo Nibali (Bahrain Merida).

VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
Banner dentro Notizia Assos
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG

La quinta tappa del Giro d’Italia 2019 regala emozioni ancora prima del via ufficiale. Durante il tratto di trasferimento infatti Tom Dumoulin (Team Sunweb) è costretto ad alzare bandiera bianca dopo la brutta caduta di ieri. Subito dopo la partenza reale dal gruppo escono Enrico Barbin ed Umberto Orsini (Bardiani – CSF), Miguel Florez (Androni – Sidermec), Ivan Santaromita (NIPPO – Vini Fantini) e Louis Vervaeke (Team Sunweb). Inizialmente con loro è presente anche Giulio Ciccone (Trek – Segafredo), ma il leader della maglia dei GPM dopo qualche chilometro si rialza e viene riassorbito dal gruppo. Gli altri cinque attaccanti invece continuano nella loro azione anche se il gruppo non concede loro mai più di 2 minuti, complice il chilometraggio breve della tappa e la forte pioggia che accompagna la corsa. Proprio la pioggia provoca diverse cadute nella prima fase di gara. In una delle scivolate rimane coinvolto anche Orsini che però si rialza subito e riesce a ritornare fra i fuggitivi, mentre è meno fortunato Jelle Vanendert (Lotto Soudal) che è costretto al ritiro. Proprio il non miglioramento delle condizioni meteo portano la giuria a far si che i tempi ed i distacchi vengano rilevati al primo passaggio sul traguardo di Terracina.

Sulla salita di Sezze fra i battistrada prova ad allungare in solitaria Vervaeke che scollina con 35 secondi di margine sui più immediati inseguitori, mentre il gruppo transita con un ritardo di 1’33”. Gruppo che a quel punto aumenta il ritmo andando a riprendere prima i quattro inseguitori e poi Vervaeke a 23 chilometri dalla conclusione. Si arriva così al primo passaggio sul traguardo con il gruppo compatto, con vari corridori che si lasciano a quel punto sfilare per lasciare spazio agli sprinters e le loro squadre. La volata finale sorride a Pascal Ackermann (Bora – Hasngrohe) che riesce proprio nei metri finali a superare Fernando Gaviria (UAE Team Emirates).

ORDINE D’ARRIVO

  1. Arnaud Démare (Groupama – FDJ) 3h27’05”
  2. Fernando Gaviria (UAE Team Emirates) +0”
  3. Arnaud Démare (Groupama – FDJ) +0”
  4. Caleb Ewan (Lotto Soudal) +0”
  5. Matteo Moschetti (Trek – Segafredo) +0”
  6. Ryan Gibbons (Dimension Data) +0”
  7. Paolo Simion (Bardiani – CSF) +0”
  8. Jenthe Biermans (Katusha – Alpecin) +0”
  9. Giovanni Lonardi (NIPPO – Vini Fantini) +0”
  10. Manuel Belletti (Androni – Sidermec) +0”

CLASSIFICA GENERALE

1. Primoz Roglic (Team Jumbo – Visma)
2. Simon Yates (Mitchelton – Scott) +35”
3. Vincenzo Nibali (Bahrain Merida) +39”
4. Miguel Angel Lopez (Astana) +44”
5. Diego Ulissi (UAE Team Emirates) +44”
6. Rafal Majka (Bora – Hansgrohe) +49”
7. Bauke Mollema (Trek – Segafredo) +55”
8. Damiano Caruso (Bahrain Merida) +56”
9. Bob Jungels (Deceunick – QuickStep) +1’02”
10. Davide Formolo (Bora – Hansgrohe) +1’06”

A cura di Riccardo Zucchi per iNBiCi magazine

Condividi
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
Banner dentro Notizia Assos
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS

Ti potrebbero Interessare

GIRO D’ITALIA, VERSO UN ALTRO SPRINT A NOVI LIGURE

La seconda settimana del Giro d’Italia 2019 prosegue con un’alta giornata dedicata agli uomini veloci. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *