SFONDO ASSOS
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
TOP Shimano
Home > gn > GIRO. VIVIANI: “E’ STATO TUTTO PERFETTO NONOSTANTE LA RUOTA STORTA”
Giro d'Italia 2018 - 101th Edition - 17th stage Riva del Garda - Iseo 155 km - 23/05/2018 - Elia Viviani (ITA - QuickStep - Floors) - photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2018

GIRO. VIVIANI: “E’ STATO TUTTO PERFETTO NONOSTANTE LA RUOTA STORTA”

E sono quattro. Elia Viviani cala il poker sotto l’acqua.

Il campione olimpico su pista a Rio 2016 stravince al termine di un lavoro di squadra perfetto, nonostante un problema alla bici. “Durante la prima salita di giornata mi sono scontrato con un mio compagno – spiega il corridore della Quick Step – e così ho visto che la mia ruota era leggermente storta. Nonostante questo non mi sono fermato a cambiare bici, l’ho cambiata solo al momento del rifornimento per prendere quella che uso per le volate. Direi che è stata una scelta tattica perfetta perchè è stato l’unico momento tranquillo della giornata”. 

“Ero un po’ stressato stamattina – spiega Viviani – perchè Bennett oggi poteva mettermi in difficoltà per la maglia ciclamino, la sua squadra ha provato a staccarci ma ci siamo difesi bene: quando Van Poppel ha provato ad anticipare la volata, per me è stato il momento giusto per attaccare”.

4 vittorie non sono poche, e ora c’è la possibilità di chiudere il cerchio: “Le 4 vittorie mi rilassano, nel senso che in questo Giro d’Italia l’obiettivo era quello di confermarmi su alti livelli e credo di esserci riuscito. Ora dobbiamo superare queste tappe di alta montagna per poi cercare di dire la mia a Roma: sarebbe bellissimo finire il Giro nello stesso modo in cui l’ho iniziato”.

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
Banner dentro Notizia Assos

Per Viviani, al termine del Giro, si chiuderà la prima parte di stagione: “I miei sogni restano sempre quelli, vorrei provare a vincere la Sanremo e la Gent Wevelgem, che quest’anno ho sfiorato. Ma la stagione non è finita: non so ancora se farò la Vuelta, ma di sicuro un obiettivo importante sarà il campionato europeo”. Elia è determinato, e anche quando gli chiedono un’opinione sul fatto che l’Uci continui a fare controlli sulla possibile presenza di motorini nei telai delle bici, ha le idee be chiare: “Benvengano questi controlli, ma secondo me in gruppo nessuno ha il motorino”.

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG

Ti potrebbero Interessare

SIVAKOV, PRIMA DA PROF AL TOUR OF THE ALPS; NIBALI DISTANZIA FROOME

Pavel Sivakov (Team Sky) ottiene il primo successo da professionista nella seconda tappa del Tour …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *