SFONDO ASSOS
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER

“INBICI” PER LE PISTE CICLABILI D’ITALIA: LA BASSA BERGAMASCA

Direttore del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


Articolo a cura di Chiara Corradi per InBici Magazine

Immaginatevi una domenica a passeggio con la vostra due ruote in sicurezza: vi proponiamo alcuni interessanti itinerari, adatti per tutta la famiglia, realizzati seguendo i tracciati delle piste ciclabili italiane. Il primo parte da Cassa d’Adda e arriva a Calcio, in Lombardia. 

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
CICLOPROMOCOMPONENTS  BANNER BLOG NEWS
Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS

Eco Bonus e Bonus Mobilità hanno favorito l’acquisto delle biciclette da parte di centinaia di italiani e si inizia a parlare anche di mobilità sostenibile e di piste ciclabili che garantiscano la sicurezza dei ciclisti. Il primo itinerario regionale che vi proponiamo riguarda la pista ciclabile che collega Cassano d’Adda a Calcio, nella Bassa Bergamasca. Un’itinerario di circa quaranta chilometri, realizzato nel 2009 dalla Regione Lombardia, che unisce in una rilassante pedalata tra natura e città le piste ciclabili tra il fiume Adda e il fiume Oglio. Si parte da Cassano d’Adda, facilmente raggiungibile in treno alla fermata omonima sulla linea FS Milano-Bergamo o Milano-Brescia; si arriva alla stazione di Calcio, raggiungibile sempre nell’omonima fermata della Milano-Brescia. 

Per chi vuole intraprendere questo percorso – e non è molto allenato – consigliamo l’utilizzo di una E-Bike, oppure – per chi non teme la fatica – di una bicicletta da trekking o gravel. Il percorso è in sede protetta per il 37% del tragitto complessivo; per l’85% è pavimentato e per il restante 15% su strade sterrate e carrareccie. Non vi è segnaletica, ma è disponibile un preciso tracciato gps che potete trovare a questo link (https://www.lombardia.movimentolento.it/it/resource/track/bb01-la-bassa-bergamasca). 

Prima della partenza, a Cassano d’Adda, potete visitare il Campanile e la Chiesa di Santa Maria Immacolata e San Zeno: il campanile è un monumento di valore artistico nazionale e misura 42 metri d’altezza, dominando la vallata; è stato realizzato nel 1381. Una delle prime dimore storiche che potrete ammirare nel passaggio in bicicletta, seguendo il tragitto della ciclabile, è Villa d’Adda Borromeo: 142 stanze e un parco di 7 ettari venne eretta nel 1700 per i Marchesi d’Adda; opposto alla Villa – facendo una piccola deviazione dalla ciclabile – troverete anche il Castello Borromeo che si affaccia sul fiume Adda, luogo di strategica importanza per il controllo del valico dell’Adda e del trasporto delle merci provenienti dal fiume.

Proseguendo si arriva all’interno del Parco del Pignone, un giardino pubblico, inserito all’interno della Riserva Adda Morta: un vecchio ramo del fiume abbandonato, che lentamente si è trasformato in palude e che è costeggiato da boschi di salice bianco e ontano nero. Passato il fiume Adda si attraversa il comune di Fare Gera d’Adda: consigliata una sosta alla Basilica Autarena, edificata dai Longobardi nel VI secolo e di cui ora si possono vedere solo i resti dell’abside e delle mura perimetrali; merita una visita anche il Palazzo dei Vescovi, storica dimora vescovile oggi adibita a Biblioteca Comunale. 

Il percorso procede poi in direzione di Badalasco, che dista circa due chilometri e mezzo da Gera d’Adda, e continua in direzione Treviglio. Qui la sosta può essere un po’ più lunga e si può approfittare – oltre che a riprendere fiato – per fare un giro in città. Tra le architetture religiose che meritano una visita la Basilica di San Martino e il Campanile di Treviglio, edificato nel 1008 e alto 60 metri. Tra le architetture civili consigliata la visita a Palazzo Galliari – e al vicino Santuario della Beata Vergine delle Lacrime – e a Palazzo Silva, edificio in stile barocco con un ampio cortile. In origine la cittadina, inoltre, era protetta da possenti mura poi eliminate con lo sviluppo della città nel XX secolo: alcuni resti, anche dell’antico tracciato del fossato, si trovano ancora oggi nei pressi del Santuario. La Piazza di Treviglio è nota per la presenza della “Gatta”, un bassorilievo che originariamente svolgeva la funzione di cippo di confine: l’opera è stata a lungo contesa con la città di Caravaggio, prossima tappa del nostro viaggio. 

Attraversato Caravaggio, città celebre per avere dato il nome a Michelangelo Merisi, i cui genitori erano originari del Comune, si arriva – passando il fiume Serio – a Romano di Lombardia, penultima tappa della ciclabile che attraversa la Bassa Bergamasca. Qui potrete visitare la Rocca, risalente al termine del XII secolo e ritenuta uno degli edifici più interessanti della zona: vi si accede tramite un ponte in muratura, che sostituisce l’antico ponte levatoio e all’interno ci sono piccole contrade con alcune corti. Tra gli edifici civili si possono vedere il Palazzo della Ragione, simbolo delle dominazioni venete, e Palazzo Rubini; oltre che – nella Piazza Grande – il Palazzo del Capitano. Da qui il tragitto verso Calcio, destinazione finale del percorso, è breve. All’arrivo la stazione ferroviaria vi agevolerà il trasferimento per il ritorno alla destinazione di partenza o per altre destinazioni. 

Caratteristiche Tecniche Percorso

Partenza:Stazione FS Cassano d’Adda

Arrivo: Stazione FS Calcio 

Lunghezza Totale: 40,8 km 

Dislivello Salita: 74 metri 

Dislivello Discesa: 59 metri 

Difficoltà: Facile

Articolo a cura di Chiara Corradi per InBici Magazine – riproduzione riservata

Direttore del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

CICLOPROMOCOMPONENTS  BANNER BLOG NEWS
Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *