SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER

INNSBRUCK 2018 – BARDET: “CORRERE SENZA RADIOLINE E’ LA COSA PIU’ BELLA DEL MONDO”

Direttore del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


La nazionale francese era una delle grandi favorite della vigilia: Thibaut Pinot, Romain Bardet e Julian Alaphilippe formavano un tiro che tante altre squadre avrebbero voluto avere su un percorso duro e selettivo come quello di Innsbruck. Giunto secondo al traguardo, Bardet non ha recriminazioni di fare: “Tutti noi sappiamo quanto sia forte Valverde, è stato il più bravo e il più veloce.” 

Sul muro finale – prosegue Bardet – Pinot ha fatto un bel ritmo, e quando mi sono ritrovato davanti io sapevo di non essere al limite. In quel momento, però, Alaphilippe si è staccato, e così sono rimasto alla ruota di Valverde. Forse il finale poteva essere gestito diversamente, ma è facile parlare dopo la corsa. Quando sei lì pensi solo a rimanere insieme agli altri”. 

Bardet, comunque, è sicuro che “correre senza radioline, come al mondiale, è la cosa più bella del mondo. Non sai mai cosa succede durante la corsa, per saperlo devi stare sempre nel vivo dell’azione: in questo modo possiamo correre anche seguendo il nostro istinto”. 

 

A cura di Carlo Gugliotta, inviato a Innsbruck per InBici Magazine

Direttore del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
INBICI STORE BANNER NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *