SFONDO ASSOS
GSG SCONTO BANNER TOP
GSG SAMMER PROMOTION BANNER TOP
GSG CUSTOM BANNER TOP
Home > G News > INVESTITI I RAGAZZI DI ROBERTO PETITO DOPO UN IMPATTO FRONTALE CON UN’AUTO

INVESTITI I RAGAZZI DI ROBERTO PETITO DOPO UN IMPATTO FRONTALE CON UN’AUTO

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


Ieri a Tarquinia, nell’alto Lazio, è avvenuto l’ennesimo incidente sulle strade che ha coinvolto un gruppo di ciclisti. A farne le spese sono stati i ragazzi della Civitavecchiese Fratelli Petito, che erano usciti in allenamento insieme all’ex professionista Roberto Petito e a Fabio Bordacchini. 7 allievi e circa 15 amatori stavano pedalando tutti insieme in allenamento, quando una macchina ha centrato il gruppo con un impatto frontale.

“Ce la siamo vista davvero brutta – spiega Roberto Petito ai nostri microfoni dopo averlo raggiunto telefonicamente – perché dopo l’impatto Massimiliano Piras, socio e consigliere del nostro team, ha avuto la peggio in quanto ha riportato la frattura di tibia, perone, una vertebra e qualche costola, ed è stato trasportato d’urgenza in elisoccorso a Roma. Anche gli altri ragazzi hanno rimediato diverse fratture. Sarebbe potuta andare davvero molto peggio”.

Secondo quanto si apprende da varie fonti, la persona che ha investito il gruppo ha dei precedenti per l’alta velocità sia con l’auto che con un furgone, e già in altri episodi si era reso protagonista di manovre pericolose.

Petito specifica che il gruppo di ciclisti stava procedendo in fila su una strada di campagna con pochissimo traffico: “nonostante questo trovi sempre  lo scemo del villaggio che fa strike. Il governo dovrebbe investire dei soldi per fare dei ciclodromi per il futuro dei nostri figli. La bicicletta esiste da oltre due secoli e non morirà domani, la bici è un mezzo di trasporto ideale per snellire il traffico ma c’è bisogno di quella sicurezza che oggi non c’è”.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi:

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
Banner archivio Blog - Shimano
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *