SFONDO ASSOS
INBICI STORE BANNER TOP NERO
INBICI STORE BANNER BIANCO TOP
Home > gn > INVESTITO DA UN’AUTO, GRAVE IL CICLISTA MARCO MORRONE

INVESTITO DA UN’AUTO, GRAVE IL CICLISTA MARCO MORRONE

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango" e "Due pedali per volare"


Nella giornata del 26 dicembre, il ciclista Marco Morrone, molto conosciuto nel mondo delle Granfondo e nel ciclismo amatoriale in generale, è stato investito a Pratovecchio, piccolo comune in provincia di Arezzo. Le condizioni sono apparse gravi fin da subito, tant’è vero che è dovuta intervenire l’eliambulanza e il ciclista è stato portato al pronto soccorso in codice rosso.

Si hanno purtroppo ancora poche notizie dall’ospedale in cui è ricoverato: l’unica certezza è che nello schianto il corridore ha subìto una grave emorragia cerebrale.

Aggiorneremo la notizia non appena arriveranno ulteriori conferme in redazione.

INBICI TOP CHALLENGE 2020 BLOG + NOTIZIE
DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
Banner archivio Blog - Shimano
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BELTRAMI TSA BLOG NEWS
GRANFONDO SANREMO BANNER BLOG NEWS + DENTRO NEWS

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango" e "Due pedali per volare"

INBICI TOP CHALLENGE 2020 BLOG + NOTIZIE
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
Banner archivio Blog - Shimano
GRANFONDO SANREMO BANNER BLOG NEWS + DENTRO NEWS
BELTRAMI TSA BLOG NEWS
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango" e "Due pedali per volare"

5 Commenti

  1. Tutti giusti i commenti dei ciclisti. Devo dire però che le nostre strade non sono adatte per essere utilizzate da altri veicoli che non siano auto e camion . E diventano molto pericolose . Anche a piedi. Il nostro codice della strada da la possibilità anche ai cavalli sia a sella che attaccati a calesse, ma non mi sfiora l’ idea di andarci. Se costretto cerco di fare più in fretta possibile.

  2. Dopo molti anni passati in sella , non mi arrabbio neanche più, quando discutendo di queste cose con chi non coltiva tale passione e parrebbe sempre che gli indisciplinati sono sempre i ciclisti (sembrerebbe assurdo, ma queste sono le opinioni che girano).Per mia fortuna ho la suocera in Olanda e li il paradigma è totalmente ribaltato. Per spirito di sopravvivenza mi sono dovuto convertire alla gravel ,riducendo al minimo le escursioni su strade a traffico veicolare.

  3. Sergio Cassola VI

    Appassionato ciclista amatoriale da oltre 40 anni senza nessun sinistro e rispettando “scrupolosamente” il codice stradale, nel 2015/16/17, sono stato investito 3 volte da automezzi con serie conseguenze.
    Essendo in ragione al 100%, causa??
    La risposta degli investitori “scusa non ti ho visto”
    CHISSÀ PERCHÉ!!!

  4. Tutta colpa della distrazione e di questi maledetti smartphone. Quanti ciclisti dovranno essere ancora investiti prima che il governo si decida a fare qualcosa? Serve un legge deterrente, un anno senza patente, per esempio, per chi viene beccato con il telefono in mano mentre guida

  5. Calabria maurizio

    Quando si incominceranno a prendere provvedimenti seri verso gli automobilisti seri vuol dire arrestarli senza sè e senza má…tutti al cellulare e nessuno fá nulla,stanno ammazzando un ciclista al giorno neppure in sud africa sono messi cosí male non bastano le denunce a piede libero o le multe bisogna iniziare a sequestrate le patenti a tutti coloro che passano a pochi cm fai ciclista a chi usa il cellulare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *