SFONDO ASSOS SFONDO COSMOBIKESfondo Assos
venerdì , 17 agosto 2018
Assos Top
ITALIA BIKE FESTIVAL - TOP
TOP Shimano
Home > gn > MOSCON CHIEDE SCUSA: “NON DOVEVO FARLO”. MA RISCHIA IL LICENZIAMENTO
Criterium du Dauphine 2018 - 70th Edition - 7th stage Moutiers - Saint Gervais Mont Blanc 129 km - 10/06/2018 - Gianni Moscon (ITA - Team Sky)- photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2018

MOSCON CHIEDE SCUSA: “NON DOVEVO FARLO”. MA RISCHIA IL LICENZIAMENTO

Condividi

Gianni Moscon chiede scusa. Lo ha fatto ieri in tarda serata, parlando con Ciro Scognamiglio de La Gazzetta dello Sport: “Chiedo scusa a tutti, non ho scusanti. Non avevo intenzione di colpire Gesbert e non l’ho colpito. Ma si tratta di un gesto che non dovevo fare. Non è un bell’esempio”.

Al termine della tappa con arrivo a Carcassonne, il corridore del Team Sky è stato allontanato dal Tour de France, sanzionato dalla giuria in quanto colpevole di aver dato un pugno a un corridore della Fortuneo. La sanzione è arrivata tramite la VAR, che permette ai giudici di gara di rivedere le immagini incriminate attraverso la tv.

SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
BANNER Dentro Notizie SMP
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE

I direttori sportivi del Team Sky e il team manager sir Dave Brailsford, al termine della tappa, si sono recati presso la giuria per cercare di difendere il corridore, ma la giuria è stata irremovibile. Poco conta se Moscon abbia centrato o meno con il pugno Gesbert: il suo è stato un comportamento che avrebbe potuto metter in difficoltà anche altri corridori che erano là vicino, in quanto non teneva entrambe le mani sul manubrio. E comunque, il gesto rimane davvero molto brutto.

Nella tarda serata di ieri sono anche giunte le scuse ufficiali del Team Sky al corridore della Fortuneo: “Gianni è disperatamente dispiaciuto – si legge nel comunicato, tradotto letteralmente dall’inglese – per il comportamento. Si tratta di un incidente inaccettabile e vogliamo offrire tutte le nostre scuse al corridore e alla squadra”.

Ora, però, Gianni Moscon rischia seriamente il licenziamento dal Team Sky. La squadra britannica, dopo il caso degli insulti razzisti a Reza durante il Giro di Romandia dello scorso anno, aveva scritto in una nota ufficiale che se fosse capitato di nuovo qualcosa del genere il team avrebbe potuto interrompere il rapporto di lavoro. La decisione sarà presa solo dopo la fine del Tour de France.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Ti potrebbero Interessare

ARMSTRONG: “AIUTERO’ ULLRICH. PANTANI NON DEVE ESSERE INFANGATO”

CondividiLe vicende che hanno coinvolto Jan Ullrich nelle scorse settimane, che lo hanno portato a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *