SFONDO ASSOS
INBICI STORE BANNER BIANCO TOP
INBICI STORE BANNER TOP NERO
Home > G News > NIBALI: “PENSIAMO ALL’EMERGENZA, POI ALLE CORSE”
Paris Nice 2020 - 78th Edition - 6th stage Sorgues - Apt 161,5 km - 13/03/2020 - Vincenzo Nibali (ITA - Trek - Segafredo) - photo Nico Vereecken/PN/BettiniPhoto©2020

NIBALI: “PENSIAMO ALL’EMERGENZA, POI ALLE CORSE”

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


La Trek-Segafredo ha organizzato oggi una conferenza stampa in streaming di Vincenzo Nibali. Il corridore siciliano ha parlato dalla sua casa di Lugano, dove sta fronteggiando l’allarme Coronavirus come tutte le altre persone: rimanendo chiuso in casa.

NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
BELTRAMI TSA BLOG NEWS
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
Banner archivio Blog - Shimano
DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG

Le regole in Svizzera, ad oggi, sono meno restrittive che in Italia: per esempio, è possibile pedalare in bicicletta, anche se da soli. Ma è lo stesso Vincenzo a spiegare quale sia la situazione: “Allenarsi senza sapere quando è possibile tornare a gareggiare non ha senso, per adesso l’importante è fare al massimo un paio di ore per non prendere peso. Ho preferito fare degli allenamenti in mountain bike, facendo discese a passo d’uomo, perché il fuoristrada riesce ad allenare di più in un tempo minore”.

Paris Nice 2020 – 78th Edition – 7th stage Nice – Valdeblore La Colmiane 166,5 km – 14/03/2020 – Vincenzo Nibali (ITA – Trek – Segafredo) – photo Nico Vereecken/PN/BettiniPhoto©2020

Il messaggio di Vincenzo è però chiaro: “A tutti gli amici ho mandato un messaggio consigliando loro di non uscire in bicicletta. Non uscite in questo momento, non dobbiamo correre il rischio di avere incidenti o di farci male. Restate a casa. La mia opinione è che i primi da fermare erano i mezzi di trasporto pubblici e non le bici, ma so bene che con gli ospedali pieni e il rischio di cadute si può aggravare la situazione, ed è difficile mettere d’accordo tutti gli stati”.

Con lo stop per il Coronavirus, “tutta la stagione è da riscrivere”, ma “i Giochi Olimpici sono un appuntamento importante, che arriva ogni quattro anni e quindi merita un’attenzione particolare”. Sperando che l’emergenza sanitaria non porti anche al rinvio della manifestazione sportiva più importante al mondo. Per ciò che riguarda i grandi giri, invece, Nibali spiega che non avrebbe senso fare Giro, Tour o Vuelta più brevi rispetto alle 3 settimane solite.

Condividi:

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
Banner archivio Blog - Shimano
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG
BELTRAMI TSA BLOG NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *