SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
Tour de France 2018 - 105th Edition - 11th stage Albertville - La Rosiere Espace San Bernardo 108 km - 18/07/2018 - Vincenzo Nibali (ITA - Bahrain - Merida) - photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2018

NIBALI, APPELLO AI TIFOSI: “I FUMOGENI NON SERVONO A NULLA”

Giornalista del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


Sono quasi le 11 di sera quando Vincenzo Nibali torna in hotel. Il siciliano è caduto sull’Alpe D’Huez e gli è stata riscontrata una frattura della vertebra. E’ molto tardi, ma nonostante questo si ferma a parlare con i giornalisti: “Per fortuna non è molto grave quello che mi è capitato, la caduta ha fatto sì che una vertebra si abbassasse leggermente.

Devo portare il busto per qualche giorno e solo quando passerà il dolore potrò ricominciare ad andare in bici. Avevo capito fin da subito che avrei dovuto abbandonare il Tour, mi è bastato vedere le facce dei medici”.

Il grande tifo sull’Alpe D’Huez e il fumo causato dai fumogeni non hanno fatto capire bene nemmeno a Nibali cosa possa essere accaduto precisamente negli istanti della caduta: “C’era un restringimento, c’erano dei fumogeni accesi e le moto della gendarmerie che si sono strette tra di loro – spiega il portacolori del Team Bahrain Merida – in quel momento è partito Froome, io gli sono andato dietro ma sono caduto. Non so nemmeno chi è stato a prendermi e a farmi risalire in bici. Appena ho ripreso fiato ho ricominciato a pedalare forte per cercare di rientrare. Non sapevo quanti corridori stavano lì davanti, ma ho apprezzato il gesto di fair play in una tappa del genere, perchè non è da tutti fermarsi sull’Alpe D’Huez”.

Nelle ore immediatamente seguenti la caduta, Nibali ha ricevuto “tanti messaggi da tanti amici. Anche il patron del Tour de France Christian Prudhomme mi ha portato le scuse ufficiali: quando accade una cosa così non è mai semplice, spero che questo incidente possa permettere di migliorare le regole sulla sicurezza”.

Infine, un appello ai tifosi: “Ragazzi, va bene il tifo, ma i fumogeni non servono a niente”.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Giornalista del sito internet www.inbici.net. Giornalista e scrittore, dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

CICLOPROMO ELEVEN -  BANNER  BLOG POSIZIONE 1
CLIF BAR BELTRAMI - BLOG
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
SCOTT BANNER NEWS
UCI GRAN FONDO WORLD SERIES BANNER BLOG
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
Shimano Banner archivio Blog

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *