SFONDO ASSOS
GSG SCONTO BANNER TOP
GSG SAMMER PROMOTION BANNER TOP
GSG CUSTOM BANNER TOP
Home > G News > NILS POLITT: “NEL 2020 VOGLIO CONQUISTARE FIANDRE E ROUBAIX”
Paris Roubaix 2019 - 117th Edition - Compiegne - Roubaix 257 km - 14/04/2019 - Nils Politt (GER - Team Katusha - Alpecin) - photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2019

NILS POLITT: “NEL 2020 VOGLIO CONQUISTARE FIANDRE E ROUBAIX”

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


Nils Politt è uno dei nomi più interessanti da seguire per la stagione 2020. Il 25enne tedesco ha sempre mostrato di avere grande feeling con le classiche del Nord, ma la vera esplosione è avvenuta quest’anno, quando è riuscito a conquistare il quinto posto al Giro delle Fiandre e il secondo posto alla Parigi-Roubaix vinta da Philippe Gilbert. Nel 2020, Politt farà parte della Israel Start-Up Nation, che ha acquisito la licenza della Katusha-Alpecin, formazione nella quale militava il ragazzo di Colonia. 

Sparkassen Munsterland Giro 2019 – 14th Edition – Emsdetten – Munster 193,3 km – 03/10/2019 – Nils Politt (GER – Team Katusha – Alpecin) – photo Markus and Michael Roth/BettiniPhoto©2019

Quando lo abbiamo incontrato, al ritiro della squadra che si è svolto in Croazia, Politt ha affermato: “Il 2019, per me, è stata davvero una bella stagione, il secondo posto alla Roubaix è stato incredibile, il mio primo podio in una classica monumento è qualcosa di speciale. Ma non solo per la Roubaix, anche il quinto posto al Fiandre è stato molto importante. Tutta la prima parte di stagione è stata buona, ma ho corso davvero molto, quindi nella seconda parte ero molto stanco, non solo di gambe ma anche di testa, e quindi non sono riuscito ad esprimermi come nella prima parte. Adesso ho trascorso delle ottime vacanze e ho recuperato energie per un’altra importante stagione”. 

Paris Roubaix 2019 – 117th Edition – Compiegne – Roubaix 257 km – 14/04/2019 – Philippe Gilbert (BEL – Deceuninck – Quick Step) – Nils Politt (GER – Team Katusha – Alpecin) – Yves Lampaert (BEL – Deceuninck – Quick Step) – photo Dario Belingheri/BettiniPhoto©2019

Il secondo posto alla Parigi-Roubaix, alle spalle di Philippe Gilbert, è tutto meno che una sconfitta per Politt: “Penso che salire sul podio della Roubaix a 25 anni sia un ottimo risultato, soprattutto perché ho chiuso alle spalle di un grande campione come lui. Non ho rimpianti: negli ultimi 5 km di gara sapevo che Lampaert stava spingendo a fondo per riprenderci, quindi ho deciso di andare avanti full gas. Fiandre e Roubaix sono le due classiche che mi si addicono di più, e per questo saranno i due obiettivi principali per il 2020. La Sanremo è sempre la corsa dove tutti gli sprinter arrivano al massimo delle proprie possibilità, e per questo penso che non sia troppo adatta alle mie caratteristiche: quest’anno Alaphilippe ha fatto un gran numero”. 

BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
Banner archivio Blog - Shimano
DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
Paris Roubaix 2019 – 117th Edition – Compiegne – Roubaix 257 km – 14/04/2019 – Philippe Gilbert (BEL – Deceuninck – Quick Step) – Nils Politt (GER – Team Katusha – Alpecin) – photo POOL Stephane Mantey/BettiniPhoto©2019

L’incertezza sul futuro del Team Katusha-Alpecin si è prolungata per molto tempo, e di conseguenza anche l’incertezza sul futuro dei corridori: Gli sponsor non erano molto felici, avevamo ottenuto poche vittorie e c’era una situazione poco chiara per il futuro. Abbiamo vissuto per diversi mesi ad alti e bassi: un giorno pensavamo che avremmo avuto un team per il 2020, il giorno seguente no, quindi in questa situazione molti di noi non sono riusciti ad esprimersi al meglio. Sono stati molti i team che si sono fatti avanti per me quando si è saputo che la Katusha-Alpecin avrebbe chiuso. Io avevo due anni di contratto: quando ho saputo che la squadra era stata rilevata dalla Israel, non ho avuto dubbi e ho voluto continuare con loro. Siamo un team molto ben attrezzato per le grandi classiche e credo che possiamo ambire a un grande 2020”. 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi:

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
Banner archivio Blog - Shimano
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *