SFONDO ASSOS
mercoledì , 20 Novembre 2019
INBICI TOP CHALLENGE BANNER TOP
INBICI STORE BANNER BIANCO TOP
Home > gn > RIFORMA 2020, CLAMOROSO! SLITTA TUTTO AL 2023
Foto Gian Mattia D'Alberto - LaPresse 17/05/2018 IMOLA (Italia) Sport Ciclismo Giro d'Italia 2018 - edizione 101- tappa 12 OSIMO - IMOLA Nella foto: BENNETT Sam (IRL) (BORA - HANSGROHE) , vincitore di tappa

RIFORMA 2020, CLAMOROSO! SLITTA TUTTO AL 2023


Per dirla in tono calcistico: le squadre battono l’Unione Ciclistica Internazionale con il risultato di 3-0. In data odierna, l’UCI ha infatti deciso che la Riforma del Ciclismo, le cui nuove normative sarebbero dovute entrare in vigore nel 2020, è stata posticipata al 2023. Il nostro sito internet ha già intervistato i principali team manager delle formazioni italiane, Francesco Pelosi, Gianni Savio, Roberto Reverberi e Angelo Citracca, e tutti si sono detti contrari a questa normativa, che penalizza le squadre Professional con un budget non troppo grande.

Il nuovo regolamento UCI, che sarebbe dovuto entrare in vigore il prossimo anno, prevedeva infatti un sistema di promozioni e di retrocessioni che spingevano le migliori Professional del mondo a partecipare a tutti i grandi giri, chiudendo le porte in faccia alle formazioni che appartengono alla categoria Professional ma che non hanno un budget molto grande. Secondo quanto riportano fonti olandesi, inoltre, il World Tour dovrebbe salire a 20 formazioni, contro le 18 attuali, ma nel frattempo possiamo registrare la prima grande sconfitta dell’UCI che voleva imporre un cambiamento per il quale il nostro ciclismo non era ancora pronto.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Andalucía Bike Race BANNER BLOG
INBICI TOP CHALLENGE 2020 BLOG + NOTIZIE
BANNER PISSEI BLOG + DENTRO NOTIZIE SETTEMBRE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
Banner archivio Blog - Shimano
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
Banner dentro Notizia Assos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *