SFONDO ASSOS
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
INBICI STORE BANNER TOP
INBICI STORE BANNER TOP NERO
Home > gn > TAFI ALLA ROUBAIX: E SE LA CORRESSE CON LA QUICK STEP?
Andrea Tafi

TAFI ALLA ROUBAIX: E SE LA CORRESSE CON LA QUICK STEP?


Sulla Gazzetta dello Sport in edicola oggi, in un articolo a cura di Luca Gialanella, si prospetta il fatto che la Dimension Data potrebbe ospitare il ritorno alle corse di Andrea Tafi. Il corridore italiano, ultimo azzurro capace di vincere in carriera sia il Giro delle Fiandre che la Parigi-Roubaix, ha espresso il desiderio di tornare a correre la Roubaix all’età di 52 anni, tornando a gareggiare 14 anni dopo il ritiro, avvenuto al termine della stagione 2005.

La Dimension Data potrebbe essere molto interessata ad Andrea Tafi, soprattutto perché l’immagine del toscano è molto forte e molto conosciuta in Belgio, tant’è vero che Sporza ha lanciato un sondaggio su quale potrebbe essere la squadra che ospiterà il ritorno di Tafi alla classica del pavé. Tra l’altro, Andrea è stato l’ultimo corridore italiano capace di figurare sull’albo d’oro della Roubaix, mentre al Fiandre l’ultimo azzurro ad imporsi è stato Alessandro Ballan.

Alcuni indizi farebbero però pensare a un ritorno di Andrea Tafi con la divisa della Quick Step, che il prossimo anno avrà il nome di Deceuninck – Quick Step. Prima di tutto lo scorso anno c’è stata, alla vigilia del Giro delle Fiandre, una conferenza stampa nella quale c’è stata la celebrazione dei 20 anni di sponsorizzazione nel ciclismo da parte di Quick Step, alla quale era presente anche Andrea Tafi; in secondo luogo, il suo rapporto con Patrick Lefevre è molto buono e il loro rapporto lavorativo è andato avanti per molti anni, visto che Tafi ha vestito la divisa della Mapei dal 1994 al 2002, ultimo anno della sponsorizzazione italiana; infine, non dimentichiamo la grande popolarità di Tafi in Belgio, e la sua presenza porterebbe ulteriore interesse da parte dei media verso l’evento e verso tutta la squadra.

Ad oggi queste sono solo supposizioni. Nel frattempo, Tafi non si sbilancia, e la sua voglia di rimettersi in gioco sta dividendo in due le opinioni degli appassionati e degli addetti ai lavori.

 

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
PISSEI BANNER BLOG + DENTRO NOTIZIE 12 LUGLIO
DANILO DI LUCA BANNER BLOG

Ti potrebbero Interessare

ADDIO NIPPO-VINI FANTINI, LA SQUADRA CHIUDERA’ A FINE STAGIONE

La riforma del ciclismo che verrà introdotta nel 2020 miete le sue prime vittime: la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *