LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
SFONDO ASSOS
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
TOP Shimano
Home > gn > TIRRENO-ADRIATICO, ALAPHILIPPE: “NON PENSO ALLA SANREMO E VOGLIO REGALARE ANCORA SPETTACOLO”
Julian Alaphilippe. Credit image: Stefano Spalletta

TIRRENO-ADRIATICO, ALAPHILIPPE: “NON PENSO ALLA SANREMO E VOGLIO REGALARE ANCORA SPETTACOLO”

Mancano 9 giorni alla Milano-Sanremo. Julian Alaphilippe ha vinto due tappe in Argentina a gennaio, una tappa del Tour of Colombia a febbraio, la Strade Bianche di sabato scorso e la tappa odierna della Tirreno-Adriatico. Ora, come è possibile non fare un pensiero su quella corsa dove il corridore francese è già salito sul podio nel 2017, anno in cui ci fu una volata a tre tra lui, Sagan e il vincitore Kwiatkowski? 

“La Milano-Sanremo non è una corsa paragonabile alla Strade Bianche o a una tappa della Tirreno – afferma il portacolori della Deceuninck-Quick Step – la mia forma è migliore rispetto a due anni fa, inoltre sono più calmo, sono un corridore diverso. Però in quella corsa bisogna farsi trovare al posto giusto nel momento giusto, e non è facile dopo sette ore in sella. Per la Sanremo abbiamo più frecce nel nostro arco”. 

La Deceuninck-Quick Step ha chiuso al quarto posto la cronometro a squadre di Lido di Camaiore, a 37” dalla Mitchelton-Scott. “Abbiamo perso molto tempo nella cronometro a squadre, non è il modo migliore di iniziare una corsa a tappe ma non sono dispiaciuto, l’importante era ottenere un bel successo oggi. Nell’ultimo chilometro Stybar è stato eccezionale, ha chiuso su tutte le fughe e ho potuto ottenere la vittoria nel finale. Questa corsa si deciderà per pochi secondi: io voglio continuare ad attaccare, voglio offrire ancora spettacolo”. 

La Deceuninck-Quick Step sta ottenendo un importante numero di vittorie: lo scorso anno ci fu il record assoluto, con 76 trionfi, ma in questa stagione tutto sta girando per il verso giusto nonostante l’addio di due corridori importanti come Niki Terpstra e Fernando Gaviria. Alaphilippe spiega: “Fernando è un amico, Terpstra è un grandissimo corridore, ma noi stiamo lavorando per avvicinarci al numero di vittorie del 2018, anche se non sarà facile”.

 

Da Pomarance, Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

Ti potrebbero Interessare

GP LIBERAZIONE UNDER 23, QUEST’ANNO NON SI CORRE A ROMA

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Primavera Ciclistica, comitato organizzatore del Gran Premio della …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *