LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO ASSOS
INBICI STORE BANNER TOP
INBICI STORE BANNER TOP NERO
Home > gn > TIRRENO-ADRIATICO, FUGLSANG: “VITTORIA DEDICATA A MICHELE SCARPONI. VINCERE AIUTA A VINCERE”

TIRRENO-ADRIATICO, FUGLSANG: “VITTORIA DEDICATA A MICHELE SCARPONI. VINCERE AIUTA A VINCERE”


Jakob Fuglsang ottiene il primo successo stagionale, ed è una vittoria pesantissima la sua: dopo essere arrivato secondo alla Strade Bianche, persa allo sprint contro Julian Alaphilippe, il successo di oggi proietta l’Astana a quota 19 trionfi, complice anche il contemporaneo successo di Ion Izaguirre alla Parigi-Nizza. In questo momento, dunque, l’Astana è la formazione più vincente del panorama ciclistico mondiale. 

Jakob Fuglsang sale sul gradino più alto del podio 24 ore dopo il trionfo del proprio compagno Lutsenko: “Al traguardo ho alzato il dito verso il cielo perché voglio dedicare questa vittoria a Michele Scarponi, queste sono le sue strade e ieri ho avuto modo di parlare con sua moglie Anna. Anche sulle strade c’erano molte scritte che inneggiavano a Michele, ed è bellissimo vincere qui”. Proprio 10 anni fa, Scarponi otteneva il suo trionfo in classifica generale alla Tirreno-Adriatico.

“Abbiamo avuto molta sfortuna nella cronometro a squadre – prosegue il danese – perché siamo partiti con la pioggia, però se quella tappa non fosse andata così io e Alexey forse non avremmo potuto avere tutta questa libertà di movimento”. 

Il successo odierno proietta Fuglsang in terza posizione in classifica generale: Adam Yates conserva la maglia azzurra davanti a Primoz Roglic, a 25”, mentre il corridore dell’Astana, vincitore oggi, è terzo in generale a 35”. “Credo che il ritardo sia eccessivo – spiega Fuglsang – in quanto Roglic è un grande cronoman e la tappa di San Benedetto del Tronto è una prova contro il tempo per specialisti. Vedremo cosa succederà, ma è chiaro che il favorito è lui, io dovrò fare una super cronometro per difendere il podio”. 

Per il momento, l’Astana è la formazione più vincente al mondo nel 2019, ma è ancora presto per cantare vittoria: “Vincere aiuta a vincere, tutte queste vittorie ci danno grande motivazione, ma è difficile eguagliare le oltre 70 vittorie che lo scorso anno ha ottenuto la Quick Step”. 

 

Da Recanati, Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi
Banner dentro Notizia Assos
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
PISSEI BANNER BLOG + DENTRO NOTIZIE 12 LUGLIO
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
DANILO DI LUCA BANNER BLOG

Ti potrebbero Interessare

L’INTERVISTA – GIUSEPPE GUERINI, 20 ANNI DOPO LA VITTORIA ALL’ALPE D’HUEZ: “IL PUBBLICO DEL CICLISMO E’ FANTASTICO. NIBALI? E’ UN CAMPIONE E LO HA DIMOSTRATO AMPIAMENTE”

Sono passati 20 anni esatti dalla bellissima vittoria di Giuseppe Guerini sull’Alpe d’Huez. Era la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *