SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER

TOUR. ANALISI SECONDA TAPPA: TUTTI CONTRO GAVIRIA A LA ROCHE-SUR-YON


Seconda tappa, seconda volata. Non dovrebbe cambiare il copione, almeno sulla carta, al Tour de France 2018: dopo una prima giornata che si è infiammata per le cadute negli ultimi chilometri a precedere l’arrivo di Fontenay-la-Comte dominato da Fernando Gaviria, anche i 182 chilometri da Mouilleron-Saint-German a La Roche-sur-Yon, salvo sorprese, si concluderanno allo sprint.

Partenza mossa, con alcuni saliscendi che potrebbero favorire la formazione della prima fuga di giornata. Al chilometro 28 la Côte de Pouzauges, primo e unico gran premio della montagna: un quarta categoria, 1000 metri al 4% di pendenza media. Da lì in avanti, poco da segnalare fino agli ultimi 50 chilometri di corsa: a Beaulieu-Sous-La-Roche il primo sprint intermedio, mentre il secondo (con abbuoni in tempo ai primi tre classificati) sarà posto a 14 chilometri dal traguardo. Il rettilineo conclusivo è ampio e molto lungo, ma alcune curve nei chilometri precedenti potrebbero esporre nuovamente il gruppo ai rallentamenti e cadute già sperimentati oggi. Nel finale una leggera pendenza verso l’alto: i velocisti restano favoriti, ma sarà importante scegliere il momento giusto per partire al fine di evitare di rimanere senza energie prima del tragurdo.

Per quanto riguarda i favoriti, invece, fari puntati su Fernando Gaviria, prima maglia gialla del Tour dopo aver vinto la frazione inaugurale. Il colombiano si è reso protagonista di un’ottima volata di testa, complice anche una Quick-Step Floors che lo ha pilotato in maniera egregia fino ai 250 metri, dove poi ha sprigionato tutti i suoi cavalli. Gli avversari dovranno fare i conti con lui, a partire da Peter Sagan (Bora-Hansgrohe) e Marcel Kittel (Katusha-Alpecin), che si sono dovuti accontentare rispettivamente di seconda e terza piazza. In particolare il tedesco ha sofferto la mancanza di un treno, e isolato è stato costretto a sprintare lontanissimo dei primi, raggiungendo comunque il podio. Ci riproverà sicuramente Kristoff, così come Groenewegen, entrambi piazzati in top 10. Altri, come Cavendish e Greipel, non sono riusciti a fare lo sprint, complici i diversi buchi che si sono creati nei chilometri conclusivi. La sfida tra i migliori velocisti al mondo è appena iniziata e tutto è pronto per il secondo round a La Roche-sur-Yon.

 

a cura di Gianluca Santo  – iNBiCi magazine

SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *