SFONDO ASSOS
INBICI STORE BANNER BIANCO TOP
INBICI STORE BANNER TOP NERO
Home > G News > TREK-SEGAFREDO, DEGENKOLB PUO’ SOGNARE UN’ALTRA CLASSICA MONUMENTO
Gent Wevelgem 2019 - 81th Edition - Deinze - Wevelgem 251,5 km - 31/03/2019 - John Degenkolb (GER - Trek - Segafredo) - photo Luca Bettini/BettiniPhoto©2019

TREK-SEGAFREDO, DEGENKOLB PUO’ SOGNARE UN’ALTRA CLASSICA MONUMENTO

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"


Il secondo posto ottenuto alla Gand-Wevelgem permette a John Degenkolb di sognare in grande in vista del Giro delle Fiandre e della Parigi-Roubaix. Il corridore tedesco ha già centrato il bersaglio grosso nel 2015, il suo anno magico, nel quale è riuscito a vincere sia la Milano-Sanremo che la Parigi-Roubaix. 

Dopo il brutto incidente in allenamento nell’inverno 2016, quando è stato investito da una macchina, il corridore è riuscito a tornare di nuovo su alti livelli lo scorso anno, quando si è imposto proprio nella tappa del Tour de France con arrivo a Roubaix. Una vittoria suggestiva, che ha fatto capire che il peggio era alle spalle, non tanto da un punto di vista fisico quanto da un punto di vista psicologico, perché non è mai facile tornare in sella dopo incidenti del genere.

Il secondo posto ottenuto ieri alla Gand-Wevelgem fa capire che Degenkolb può seriamente ambire a vincere almeno una corsa tra il Giro delle Fiandre e la Parigi-Roubaix. Per la gara di domenica, la Trek-Segafredo potrà puntare anche su Mads Pedersen, secondo lo scorso anno alle spalle di Niki Terpstra. La squadra, insomma, fa decisamente paura agli avversari, che dovranno fare i conti con due corridori che potranno dire la loro nei momenti cruciali di entrambe le classiche.

Queste le parole di Degenkolb dopo il secondo posto alla Gand-Wevelgem: “È stata una gara difficile. Mi sono concentrato sulla ruota di Elia Viviani, ho visto un varco e sono riuscito a seguire Kristoff, ma è stato il più forte. La Trek-Segafredo è un grande gruppo e sento di essere in forma per lottare con i migliori”.

 

A cura di Carlo Gugliotta per InBici Magazine

Condividi:

Direttore del sito InBici.net e conduttore della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, inviato per le principali gare internazionali di ciclismo su strada, autore dei libri "Pedalare nel fango", "Due pedali per volare" e "Giro delle Fiandre, la classica dei tifosi"

DIPA ABBIGLIAMENTO NERO BANNER BLOG
BELTRAMI TSA BLOG NEWS
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
Banner archivio Blog - Shimano
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *