SFONDO ASSOS
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > ALLE ORIGINI DEL MITO
Charly Gaul con l'amico Aldo Moser

ALLE ORIGINI DEL MITO

 

Come e perché è nata la Leggendaria Charly Gaul? Tutto ebbe inizio tredici anni fa…

Tutto è nato nel 2005, quando il grande ciclista lussemburghese, protagonista dell’epica scalata della montagna cittadina durante il Giro d’Italia del 1956, giunse sul Monte Bondone per l’intitolazione a suo nome della famosa salita di Vason.

L’iniziativa dei “Bondoneri” (operatori e residenti della montagna), dell’APT e del Comune di Trento piacque subito all’emittente televisiva Lussemburghese RTL tant’è che invitò una troupe per fare un reportage. Fu proprio in quell’occasione che un giornalista del Lussemburgo propose di rievocare la storica impresa con un raduno internazionale di cicloamatori. L’idea interessò subito l’Azienda per il Turismo Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e lo stesso anno nacque la Gran Fondo internazionale Charly Gaul.

Il Campione Charly Gaulattorniato dai Bondoneri -foto archivio APT Trento La Valle dei Laghi

 

BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
Banner dentro Notizia Assos
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG

Sono quattro le tappe storiche del Giro d’Italia concluse sulla montagna più rappresentativa di Trento. Nelle menti dei più è indelebile l’impresa compiuta da Charly Gaul l’8 giugno 1956, durante la 21ª tappa (242 km) del Giro d’Italia 1956, che partiva da Merano (BZ). Lo scalatore lussemburghese tagliò il traguardo con più di 8 minuti sul secondo arrivato dopo aver pedalato in mezzo ad una vera e propria tempesta di neve assicurandosi la Maglia Rosa e vittoria finale del Giro D’Italia.

Altre 3 volte il Giro d’Italia ha concluso sul Monte Bondone una tappa, nel 1978, nel 1992 e, infine, nel 2006.

  • 1956: 21ª tappa (242 km) partita da Merano (BZ) e vinta da Charly Gaul (LUX)
  • 1978: 17ª tappa (205 km) partita da Cavalese (TN) e vinta da Wladimiro Panizza (ITA)
  • 1992: 14ª tappa (205 km) partita da Corvara in Badia (BZ) e vinta da Giorgio Furlan (ITA)
  • 2006: 16ª tappa (173 km) partita da Rovato (BS) e vinta da Ivan Basso (ITA), davanti all’idolo di casa Gilberto Simoni

Condividi
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS

Ti potrebbero Interessare

GIRO DI COMMENTI – ECCO PERCHE’ LANDA MERITEREBBE DI VINCERE IL GIRO D’ITALIA

I pretendenti alla corsa rosa sono tanti, e dopo la tappa di Ceresole Reale si …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *