SFONDO ASSOS SFONDO COSMOBIKESfondo Assos
Assos Top
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > ASSOS CON LUIS FERNANDEZ PER LA NUOVA COLLEZIONE
Quartz SS Jersey PolarBlue & FluoroGreen Anthracite SS Jersey NavyCrimson & NavyBlue

ASSOS CON LUIS FERNANDEZ PER LA NUOVA COLLEZIONE

Condividi

Il marchio di abbigliamento tecnico da ciclismo ASSOS of Switzerland sta collaborando con il designer  di abbigliamento da uomo Luis Fernandez per il lancio di quattro maglie in edizione limitata.

 

Ogni maglia è realizzata tramite il distintivo stile di Fernandez che, per forme, gradienti e colori, prende spunto dai suoi trascorsi nel campo dell’architettura e del fashion.

Fernandez ha trovato l’ispirazione per creare le maglie dal suo background nell’architettura dei  grattacieli. Tuti gli elementi, dai blocchi geometrici della maglia Anthracite, ai moderni artwork  triangolari della maglia Quartz rappresentano un accenno della sua affinità per le strutture fisiche  architettoniche.

SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP

Fernandez è stato a lungo affascinato dai paesaggi, la precisione e l’ingegneria Svizzera ed ha fatto di ASSOS, un brand con più di 40 anni di storia nel canton Ticino, un partner perfetto. I design prendono ispirazione dagli elementi dei paesaggi svizzeri – dalle iconiche catene montuose ai tornanti serpeggianti – risultando in pattern astratti ed audaci.

Luis Fernandez dichiara: “Tecnicità e performance sono sempre stati una grossa parte del mio lavoro di design;collaborare con ASSOS, un marchio pioniere della “performance e precisione Svizzera” nel  mondo del ciclismo, è stato un enorme piacere.” La Collezione Luis Fernandez, prodotta in tiratura limitata, è disponibile da ora su www.assos.com e  presso i rivenditori ASSOS di tutto il mondo.

ABOUT ASSOS

Dopo più di 40 anni passati a realizzare abbigliamento per i ciclisti più appassionati, ASSOS mette ancora grande enfasi nel deliziare il ciclista che vive per spingere avanti il suo limite. Nel 1976, Toni Maier fonda ASSOS  of Switzerland con un‘innovazione incredibile: il primo telaio di bicicletta in fibra di carbonio. L‘infinita ricerca dell’aerodinamica sulla bici nella galleria del vento, porta Toni a realizzare che l’abbigliamento indossato dai ciclisti era la maggiore causa di attrito. A questo punto, Toni spostò la sua attenzione sull’abbigliamento ed inventò il primo pantaloncino da ciclismo in Lycra. Questa innovazione portò i team professionistici a pagare per indossare i pantaloncini ASSOS durante il Tour de France e, ad oggi, ASSOS è orgogliosa di aver avuto un ruolo importante in più di 350 medaglie d’oro ai campionati del mondo e ai giochi Olimpici.

ASSOS lavora a stretto contatto con i fornitori e riceve i feedback dal suo team di tester interno per produrre tessuti che offrono il comfort ottimale per il ciclista. Come risultato del suo continuo investimento in R&D, l’azienda è stata pioniera di diverse innovazioni chiave che hanno segnato l’evoluzione del mondo del ciclismo e sono diventate oggi degli standard del settore. Ad esempio, la prima sublimazione di una maglia nel 1980, il primo fondello elastico in un pantaloncino nel 2001 e la creazione del body più veloce del pianeta nel 2004.

Oggi, ASSOS è orgogliosa di offrire il comfort totale ai massimi livelli attraverso la collaborazione con i corridori ed i team World Tour. Ma al di la della lotta per le medaglie, i ciclisti appassionati ed ambiziosi in più di 30 paesi attorno al mondo possono usufruire delle innovazioni ASSOS, grazie alla distribuzione globale del brand tramite più di 1.000 negozi di ciclismo indipendenti e le proprie boutique ed online store.

 

SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Ti potrebbero Interessare

CDM CICLOCROSS A BERNA, TANTI GIOVANI INTERESSANTI NELLA NAZIONALE AZZURRA

CondividiPrima uscita stagionale per la nazionale italiana di ciclocross guidata da Fausto Scotti e dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *