LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO ASSOS
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > CIPOLLINI ASSALI STEFEN
cipollini-assali-stefen-12-jpg

CIPOLLINI ASSALI STEFEN


Spettacolare 1-2 dei ragazzi diretti dal ds Nicola Minali nella corsa di casa

 

 

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
Banner dentro Notizia Assos

Il 38° Trofeo Banca di Verona Credito Cooperativo Cadidavid, la gara di casa si è chiusa con un grande trionfo della Cipollini Assali Stefen che con Giulio Masotto e Michael Minali ha firmato una strepitosa doppietta.

Imperioso lo sprint dei ragazzi diretti dal ds Nicola Minali che hanno letteralmente dominato il finale di una gara veloce e spettacolare, scivolata via ad oltre 43 km/h di media.

“Vincere è sempre bellissimo. Farlo sulle strade di casa, dove si corre in memoria di chi con lungimiranza ha fatto nascere e crescere questo fantastico team è semplicemente unico” ha esultato il presidente della formazione di Cadidavid, Alberto Murari. “La vittoria di oggi racchiude in sè un anno difficile ma ricco di soddisfazione per la nostra squadra. Giulio e Michael sono entrati a far parte della nostra famiglia come dei giovani talenti e oggi, a poche settimane dalla chiusura della stagione, sono pronti per approdare al dilettantismo. Con loro il resto della squadra che durante tutto il 2017 è cresciuta gradualmente: questa è da sempre la mission principale della nostra squadra, i risultati che sono arrivati ne sono una diretta conseguenza”.

DOC 1504461447
     

Condividi
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
Banner dentro Notizia Assos
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS

Ti potrebbero Interessare

SGALLA E LA SICUREZZA NELLE GRANFONDO: “SÌ ALLE DISCESE SLOW”

Dopo l’ultimo lenzuolo bianco steso alla gran fondo della Versilia, si torna a parlare di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *