SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO ASSOS
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > CONSIGLI E RIFLESSIONI. TABELLE DI ALLENAMENTO? MEGLIO ASCOLTARE LE GAMBE

CONSIGLI E RIFLESSIONI. TABELLE DI ALLENAMENTO? MEGLIO ASCOLTARE LE GAMBE

Giusto pianificare il vostro training, ma la fatica è una “spia” che non può essere ignorata. Quindi, per migliorare le perfomance, in primis date retta alle vostre sensazioni

Sono sempre di più gli amatori che seguono tabelle d’allenamento (più o meno dettagliate) fornite da esperti preparatori o consigliate da amici o, magari, semplicemente trovate su internet. Valide o meno che siano, il problema fondamentale resta solo uno: le tabelle non pensano… Non sono cioè in grado di dirvi qual è il vostro reale grado di affaticamento al momento dell’allenamento, perché nessuno vi ha spiegato qual è l’obiettivo di un esercizio specifico.

Partendo dalla considerazione che le regole per le quali l’acido lattico si accumula nei muscoli e impedisce (di fatto) la prosecuzione dello sforzo sono piuttosto semplici… ora ci troviamo di fronte ad un paradosso. Abbiamo bisogno che un “componente esterno” ci dica che stiamo cominciando a fare fatica… ma come?

Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER

Se le gambe cominciano a “bruciare” e ad indurirsi, che bisogno ho che il cardiofrequenzimetro e/o il wattometro mi dica che sto lavorando ad un ritmo medio della soglia anaerobica? E’ ormai consueto trovare atleti professionisti o amatori che, avendo smesso di cercare di capire quali sono le proprie sensazioni, semplicemente dicono: non mi si alzano i battiti. Scusate, ma in questi casi basterebbe dire: sono stanco… oppure mi fanno male le gambe. Invece no. Viviamo con l’ansia di allenarci, di non perdere neanche un giorno scritto nella “sacra” tabella, come se si rischiasse una “scomunica” da tutte le classifiche agonistiche e sociali!

Non è così. Siamo tutti diversi, ma le leggi fisiche alle quali il nostro corpo risponde sono imprescendibilmente uguali per tutti! Ho male alle gambe, quindi riposo… recupero.

Non vorrei banalizzare. L’argomento è senza dubbio complicato e il percorso di autoconoscenza è motivo di culto perfino da parte di alcune religioni. Del resto siamo nel 2016 e le tecnologie ci affiancano e ci aiutano. Ma non si sostituiscono a noi. Possiamo verificare da noi stessi che, quando cominciamo a sentire mal di gambe, i battiti o i watt ci danno un valore, ma non si tratta di un dato assoluto: un numero primo indissolubile nel tempo. Si tratta di un dato che può variare di giorno in giorno e, normalmente, può decrementare durante un allenamento.

Il fattore fondamentale in questi casi è il recupero. Basare un allenamento lungo su parametri calcolati in laboratorio può essere pericoloso, perché non viene preso in considerazione il recupero. Specie se, come capita non di rado, si parte da casa già con il mal di gambe!

di Gian Paolo Mondini – Copyright © INBICI MAGAZINE

 

Condividi
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
Banner dentro Notizia Assos
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

Ti potrebbero Interessare

WORLD PRESS CYCLING CHAMPIONSHIP 2019: ECCO LA MACCHINA ORGANIZZATIVA

Ci si aspetta una affluenza di qualità in vista dei Campionati Mondiali di Ciclismo per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *