MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
MAGNETC DAYS 3 TOP BANNER
Home > riviste-inbici-archivio > STRADA > DOLORI MUSCOLARI: BASTA CON QUEST’ACIDO LATTICO…

DOLORI MUSCOLARI: BASTA CON QUEST’ACIDO LATTICO…


I perché del dolore muscolare e cosa fare per affrontarlo

Dalla notte dei tempi ci è sempre stato detto (a sproposito) che i dolori muscolari post attività fisica fossero dovuti allacido lattico…e ci hanno sempre detto qualcosa di sbagliato, in quanto l’acido lattico è una sostanza prodotta quando praticando un esercizio molto intenso non riusciamo a utilizzare appieno il metabolismo aerobico, l’organismo quindi “mette da parte” sotto forma di acido lattico quello che stavamo metabolizzando per utilizzarlo successivamente.

Shimano Banner archivio Blog
NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE

E questa fase successiva ha anche una durata ben precisa, cioè da 30 a 120-180 minuti dal termine dell’esercizio. Da questo è molto facile capire come i dolori muscolari post esercizio che raggiungono la massima intensità tra 48 e 72 ore dopo l’esercizio hanno veramente poco a che fare con l’acido lattico.

E allora da dove vengono?

Fanno parte di quello che viene definito danno muscolare indotto dall’esercizio (Exercise-induced muscle damage – EIMD) , fenomeno che oltre al dolore muscolare ritardato post allenamento (delayed-onset muscle soreness – DOMS) include anche una risposta infiammatoria e il rilascio di marcatori di danno (es CPK) evidenziabili con analisi ematochimiche. Ci sono diversi aspetti alla base del danno muscolare post attività fisica tra cui uno sembra essere particolarmente rilevante: la contrazione muscolare eccentrica, cioè quella che si verifica quando i capi muscolari sono tra loro maggiormente lontani. Questo porta alla formazione di micro lesioni a livello delle più profonde strutture della fibra muscolare, che portano al rilascio dei marcatori di danno, della risposta infiammatoria e infine dei DOMS.

E’ possibile prevenire i DOMS?

Si, mettendo in pratica diversi accorgimenti di cui menzioneremo i più semplici e pratici:

1. Praticare attività fisica compatibilmente al nostro livello di allenamento, all’intensità e per una durata che possiamo sostenere in maniera ragionevole. I DOMS contrariamente a quello che comunemente si ritiene non sono indicatori che l’allenamento sia stato praticato a livello efficace ma piuttosto indicano che qualcosa non va per cui si rende necessario agire diversamente negli allenamenti successivi. Gli aumenti di intensità e durata vanno sempre eseguiti in maniera graduale e progressiva.

2. Il riscaldamento effettuato per il tempo necessario può aiutare nel ridurre l’insorgenza dei DOMS

3Praticare il recupero attivo tra una sessione e l’altra può contribuire a un recupero più veloce e ridurre l’insorgenza dei DOMS favorendo lo smaltimento dei cataboliti e una più rapida dinamica dei processi di riparazione

4. Supporto Nutraceutico: Ci sono diverse sostanze nutraceutiche che possono contribuire alla riduzione del danno muscolare e di conseguenza dei DOMS tra queste si mostrano particolarmente interessanti:

  • Estratti ad azione antinfiammatoria: Come curcumina, Bosvellia, artiglio del diavolo e Partenio
  • Estratti ad azione antiossidante:: Particolarmente interessante quello di ciliegia, che ha dimostrato in letteratura scientifica la capacità di ridurre i principali marcatori di infiammazione e soprattutto di ridurre l’intensità e la durata dei DOMS, mostrandosi molto interessante anche in prevenzione
  • Estratti ad azione proteolitica: Come Bromellina e Papayna, che facilitano l’eliminazione dei cataboliti favorendo i processi di recupero. Anche il Partenio mostra interessanti effetti simili esercitando un moderato effetto anticoagulante, favorendo di conseguenza la circolazione sanguigna.

Questi principi nutraceutici assunti da soli o in combinazione possono mostrarsi strumenti molto interessanti per la gestione dei DOMS.

Una volta capito a cosa sono dovuti i DOMS, sarà molto più facile capire anche come gestirli, intervenendo sulla programmazione dell’allenamento, del recupero e sul proprio programma di integrazione alimentare funzionalmente alla risoluzione del problema.

A cura del dottor Alexander Bertuccioli: Medico Chirurgo, Biologo nutrizionista Perfezionato in Nutrizione in Condizioni Fisiologiche e del dottor Michele Moretti (Farmacista preparatore, Esperto in nutraceutica e Atleta di Endurance)Copyright © INBICI MAGAZINE

Condividi:

NOT ONLY BIKE BANNER NEWS+DENTRO NOTIZIA
Shimano Banner archivio Blog
BIVILLAGE BANNER BLOG + DENTRO NEWS
GSG BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIE
ROTO BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
ALKA SPORT BANNER BLOG+DENTRO NOTIZIA
ESCALATE BANNER ARCHIVIO BLOG + DENTRO NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *