SFONDO COSMOBIKE
SFONDO ASSOS
Sfondo Assos
TOP Shimano
Assos Top
Home > Tutti gli Articoli > FOCUS SUL PRODOTTO: LAZER Z1, L’INNOVAZIONE IN TESTA

FOCUS SUL PRODOTTO: LAZER Z1, L’INNOVAZIONE IN TESTA

Focus sul casco di punta della casa belga: il più leggero e il più ventilato. La particolare forma della calotta garantisce massima sicurezza sulla nuca e sulla tempie e massima compatibilità con i numerosi optional disponibili nella linea Lazer

Lo Z1 è il “best-seller” dell’azienda belga Lazer, da un paio d’anni entrata nell’orbita dei marchi di proprietà di Shimano. In particolare, lo Z1 condivide con il Bullet l’altissima gamma della collezione Lazer, ma se il secondo è un casco appartenente alla categoria “aero”, lo Z1 che vediamo rientra nella tipologia dei caschi più aerati, grazie ad una calotta provvista di numerose feritoie di ventilazione.

Areato e gradevole alla vista

Con i suoi 223 grammi di peso della misura M che Shimano Italia ci ha gentilmente messo a disposizione, lo Z1 si posiziona ai vertici assoluti anche per quel che riguarda la leggerezza: una riduzione di peso così sostanziosa (vi ricordiamo che i caschi appartenenti a questa categoria hanno un peso medio che si attesta tra i 260 e i 290 grammi) è stata possibile grazie all’architettura con cui sono stati progettati i fori di ventilazione.

Banner dentro Notizia Assos
BANNER Dentro Notizie SMP
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE

Le aperture che si contano sulla calotta sono numerosissime, ben 31: si sviluppano tutte quante in senso prevalentemente longitudinale e concorrono così a velocizzare il transito dell’aria senza però compromette la robustezza della calotta. A beneficio di quest’ultima dobbiamo inoltre segnalare la particolare modellazione della sezione posteriore e inoltre della sezione corrispondente le tempie: sulla parte nucale il design è ribassato, per proteggere al meglio il cranio in caso di colpi in quel punto così delicato della testa; in corrispondenza delle tempie, invece, il perimetro della calotta volge verso il basso, sempre con funzione protettiva verso un’altra area molto critica in caso di caduta. Non è un caso che Lazer abbia chiamato questo design T-Pro, che sta per “Temple-Pro”, proprio a ricordare la protezione sulle tempie. Concludiamo la descrizione della calotta dicendo che anche la porzione interna è stata sagomata in modo da ridurre al minimo indispensabile la distanza con il cranio: questo per migliorare ulteriormente l’areazione e, non da ultimo, per rendere lo Z1 un casco incredibilmente aderente alla testa e per questo molto bello a vedersi quando indossato.

 

Il sistema di ritenzione

Non è un sistema di ritenzione interna qualsiasi quello utilizzato dallo Z1: anche qui Lazer ha fatto un ulteriore passo avanti rispetto alla concorrenza: dai più abituali sistemi di regolazione della chiusura – che si gestiscono con una rotella posteriore siamo passati qui ad una architettura più evoluta, unica nel suo genere.

Il sistema, proprietario e brevettato, si chiama Advanced Rollsys System: in questo caso la ritenzione e il rilascio della cinghia che delimita il perimetro interno della calotta sono gestite da una rotella di forma cilindrica, “incastonata” nella sezione posteriore della calotta e collegata alla cinghia perimetrale tramite un perno elicoidale.

Con i suoi due centimetri di altezza la rotella/cilindro è facilissima da utilizzare quando si è in marcia, inoltre la sua posizione la rende più facilmente accessibile alla mano di quel che accade per le più frequenti rotelle di regolazione poste nella sezione posteriore dei caschi.

Non finisce qui, perché oltre alla regolazione in ampiezza gestibile con la rotella Advanced Rollsys System, lo Z1 prevede la possibilità di intervenire sull’altezza della calzata, personalizzando il punto di fissaggio della ritenzione nucale su quattro differenti punti.

Esauriamo la descrizione del sistema di regolazione dicendo che cinghia e sistema di chiusura sottomento si avvalgono di una cinta leggera, anallergica e con una fibbia a scatto sottomento.

Misure, colori e optional

Lo Z1 è disponibile al pubblico in tre misure, S, M e L. Oltre alla seriosa colorazione Matte Black che abbiamo presentato, il casco è proposto in altre otto varianti. In tutti i casi lo Z1 assicura massima compatibilità con i numerosi accessori opzionali previsti nella gamma Lazer: tanto per cominciare questo modello è compatibile con i Lazer Magneto, ossia quegli occhiali dal design e dalla forma minimali che si fissano alle tempie per mezzo di magneti destinati ad aderire sulle due fibbie laterali di regolazione della posizione della cinghia sulle tempie.

Inoltre, lo Z1 è in vendita con un accessorio posteriore che consente di installare lo Z-Led, ovverosia la luce posteriore di sicurezza con faro al led rosso. Ancora, per chi volesse velocemente renderlo “aero”, lo Z1 prevede la possibilità di acquistare a parte l’Aeroshell, cioè la leggera calotta in policarbonato che si applica sul casco con un sistema ad incastro e che serra tutte le feritoie di ventilazione. Terminiamo dicendo che oltre a questa versione standard, lo Z1 è proposto anche nella variante Mips, ovverosia provvisto dell’omonimo sistema di sicurezza.

La scheda

Sistema e tecnologia di costruzione: In Mold

Sistema di ritenzione: Advanced Rollsys System

Feritoie di ventilazione: 31

Colori disponibili: Matte Black, Flash Black, White Silver, Matte Titanium, Matte White Blue, Matte Black Blue, Matte Black Camo Flash Green, Matte Black Camo Flash Orange, Matte Black Red

Misure disponibili: S, M, L

Peso rilevato: 223 grammi (misura M)

Prodotto da: Lazer,www.lazersport.com

Distribuito da: Shimano Italia,0331936901

Prezzo indicativo: 200 euro

a cura di Maurizio Coccia Copyright © INBICI MAGAZINE

Condividi
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Ti potrebbero Interessare

ANCHE MAX SCIANDRI TRA GLI OSPITI DI ULTIMO CHILOMETRO, IN ONDA STASERA SUL NOSTRO SITO

Come ogni martedì torna l’appuntamento con Ultimo Chilometro, il programma radiofonico interamente dedicato al mondo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *