Sfondo Assos SFONDO COSMOBIKESFONDO ASSOS
Assos Top
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > GIRO. ANALISI DELLA DICIOTTESIMA TAPPA: ABBIATEGRASSO – PRATONEVOSO

GIRO. ANALISI DELLA DICIOTTESIMA TAPPA: ABBIATEGRASSO – PRATONEVOSO

Condividi

La diciottesima tappa unisce la Lombardia con il Piemonte.

Partenza da Abbiategrasso e arrivo a Pratonevoso dopo km. È una frazione pianeggiante per più di tre quarti, con arrivo in salita, in una località nota soprattutto per gli sport invernali. Occasione per i capitani e per gli scalatori, anche se bisognerà dosare bene le energie, soprattutto in vista delle giornate successive.

 

Percorso – Tappa di pianura con salita secca finale. Si attraversa la Pianura Padana dalle porte di Milano fino alla parte meridionale del Cuneese. Da segnalare numerosi attraversamenti cittadini dove sono presenti rotatorie, spartitraffico e dossi rallentatori. Breve salita per il GPM di Novello, di quarta categoria, e quindi ancora pianura fino ai piedi della salita finale. Ultimi 15 km tutti in ascesa con pendenza sempre attorno al 7% e alcune punte superiori nei tornanti che portano al traaguardo. La strada sarà comunque larga e ben pavimentata.

Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
BANNER Dentro Notizie SMP

Storia e curiosità – Abbiategrasso, da dove parte questa frazione, è il luogo di nascita del portiere Christian Abbiati, di Marco Villa, professionista di lungo corso e specialista della pista della quale è l’attuale commissario tecnico azzurro, dello stilista franco Moschino (1950-1994), e di Enrico dell’Acqua, imprenditore tessile. Sono di Abbiategrasso Guerrino Tosello e Giovanni Mantovani, ottimo sprinter che per vari anni ha curato la carovana pubblicitaria e il settore arrivi della Corsa Rosa. Il Giro d’Italia e altre corse hanno già Prato Nevoso nella loro particolare geografia. Nel 1996 la corsa rosa ha visto qui il successo, già in maglia rosa, del russo Pavel Tonkov e nel 2000 quello di Stefano Garzelli che, pure lui, ha vinto la classifica finale di quell’edizione. Giusto dieci anni fa, era il 2008, il Tour de France concluse qui la quindicesima tappa con l’australiano Simon Gerrans trionfante.

Possibili favoriti – I favoriti d’obbligo saranno gli scalatori puri. Per quello che ha dimostrato fino ad ora, uno dei possibili favoriti sarà Simon Yates. Proprio al termine di questa frazione, anche se non dovesse arrivare per lui un trionfo, il corridore inglese dovrebbe continuare a vestire la maglia rosa. Altro corridore che sembra in un buon stato di forma, e che sicuramente su questa salita proverà a mettersi in evidenza, è Domenico Pozzovivo. L’atleta del Bahrain-Merida, nella cronometro di martedì ha palesato una buona gamba, riuscendo a non perdere troppo tempo. Sarà ancora una grande occasione per Tom Dumoulin, Chris Froome e Thibaut Pinot per tener aperti ancora i giochi, almeno per il podio. Fabio Aru invece è atteso ad un moto d’orgoglio, dopo le ultime giornate sfavorevoli. Alcuni nomi caldi: Tom Dumoulin – Chris Froome – Domenico Pozzovivo – Fabio Aru – Thibaut Pinot – Miguel Angel Lopez – Simon Yates – Giulio Ciccone.

 

A cura di Davide Pegurri –iNBiCi magazine

SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
Banner dentro Notizia Assos

Ti potrebbero Interessare

UFFICIALE: FABIO ARU RINUNCIA AL MONDIALE DI INNSBRUCK

CondividiNiente mondiale di Innsbruck per Fabio Aru. Il corridore sardo, già convocato da Davide Cassani …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

// Codice AG Contatore rivista