SFONDO COSMOBIKESFONDO ASSOS Sfondo Assos
Assos Top
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > Giro delle Abbazie
giro-delle-abbazie-jpg
Giro delle Abbazie

Giro delle Abbazie

Condividi

A Cittareale (Rieti) sono arrivati in tanti per il varo ufficiale del Giro delle Abbazie, Santuari e Castelli nel Lazio con la cross country Rocca di Manfredi disputata domenica scorsa nonostante le previsioni meteo, di primo mattino, non fossero alquanto rosee.

Fortunatamente la pioggia ha cessato di cadere poco prima della partenza risparmiando i circa cento biker che non si sono scoraggiati nel dare sfoggio della propria abilità e della tecnica sul circuito di 4500 metri (200 metri di dislivello a giro) tra sterrato, centro storico, i passaggi caratteristici sulla Rocca di Re Manfredi (figlio di Federico II di Svevia): tanti curiosi e soprattutto tutta la comunità di Cittareale attratti dalle continui evoluzioni delle performanti due ruote tacchettate in una cornice paesaggistica di rara bellezza.

 

BANNER Dentro Notizie SMP
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE

Enorme, e non poteva essere altrimenti, la soddisfazione degli organizzatori dell’Asd Effetto Ciclismo Fiano Romano con la collaborazione tecnica dell’Asd Pedala Piano e dell’Asd Cicli Renzi Fiano Romano, in stretta sinergia con l’amministrazione comunale del sindaco Giuseppe Fedele e della Pro Loco presieduta da Valeriano Machella. 

 

Entrando più nel dettaglio, gli atleti sono stati fatti partire con la divisione in griglie in base alla categoria di appartenenza con il seguente dettaglio dei giri percorsi: 6 per élite, under 23, élite sport, juniores e i master dall’1 al 4; 3 volte per gli M5-M6-M7 e le donne master; 2 volte gli allievi e gli esordienti.

Nella gara regina, disputata sui 6 giri del circuito, il master 2 Massimo Folcarelli (Drake Team Nw Sport) e l’élite Stefano Capponi (Moser Cycling Team) hanno catturato l’attenzione del pubblico e degli sportivi con le loro performance: entrambi, sin dalle prime battute,  filavano piuttosto veloci dominando rispettivamente la propria categoria, il miglior tempo generale e sul giro (58’15” per Folcarelli con un giro veloce di 9’26”; per Capponi 58’59” con un giro veloce di 9’40”). Alle loro spalle non sono stati da meno anche Emiliano Dominici della Ciclotech (secondo tra gli M2), Alessio Porcari della Nw Sport Cicli Conte Fans Bike e Angelo Guiducci della Extreme Bike rispettivamente primo e secondo tra i master 1. Menzione speciale per il promettente under 23 Riccardo Donati (Scott RC New Limits), i giovani juniores Samuele Giuseri (Firefox Team Amaseno) e Fabio Sabbioni (Atletico Uisp Monterotondo) che hanno provato a stare al passo dei  migliori specialisti dello sterrato laziale.

Una bella serie di prestazioni tecniche sono state offerte dai master meno giovani come Massimo Foschi (Ciclotech Mtb Runners) tra i master 3, Gianni Panzarini (Drake Team Nw Sport) tra i master 4, Maurizio Fratticci (Ciclotech Mtb Runners) tra i master 5, Antonio Giardino (GSC L’Aquila Team Italshine) tra i master 6, Mario Capoccia (Atletico Uisp Monterotondo) tra i master 7 e Matteo Piacentini (Caffè Piacentini Sport) tra i master junior. 

 

In ambito giovanile, netto successo dell’allievo Antonio Folcarelli (Drake Team Nw Sport) davanti a Ivan Colonnelli (Mtb Grotte di Castro) e a Stefano Gaudio (Scott RC New Limits) che si affaccia per la prima volta in un podio di una gara fuoristrada. Trionfo a mani basse per Mario Zaccaria (Atletico Uisp Monterotondo) tra gli esordienti lasciandosi alle proprie spalle nell’ordine Samuele Grossi (Mtb Four Es) e Lorenzo Quarchioni (Mtb Tuscia Vittorio Bike). Monica Bellachioma (Asd Soriano Ciclismo) e Giorgia Ascenzi (GS Fontana Anagni) hanno messo il sigillo rispettivamente nelle gare allieve e juniores mentre ancora un trionfo per l’esordiente Arianna Ingegneri (Mtb Tuscia Vittorio Bike) davanti alla matricola Claudia Mazzetta (Scott RC New Limits).

La gara femminile è stata nel segno della ritrovatissima élite master donna Sabrina Di Lorenzo (Moser Cycling Team) che ha fatto due minuti meglio della master donna 2 Claudia Cantoni (Nw Sport Cicli Conte Fans Bike), più staccate Antonia Fastella (Asd Mtb Four Es) e la stradista Cristina Carletta (Asd Cicli Renzi Fiano Romano) quest’ultima debuttante in una competizione di mountain bike. 

Alla presenza dei consiglieri FCI Lazio Paolo Imperatori ed Enrico Rizzi, gli sforzi congiunti degli organizzatori dell’Asd Effetto Ciclismo (presieduto dall’ex professionista Leandro Fioroni ad oggi presidente della struttura tecnica FCI Lazio) e dell’amministrazione comunale di Cittareale sono stati abbondantemente premiati anche grazie al supporto dei partner  Mapei (Renato e Rachele Soffi), Cinelli, Sixtus, New Limits, D’Egidio Costruzioni, Studio MDM Ingegneria-Architettura, Agriturismo Lu Ceppe, Birra Artigianale Alta Quota, Termoidraulica Clemente Aloisi, Osteria da Bartasca, Benny’s Bar, Retrò Caffetteria, Bar Silvana, Bed&Breakfast La Rosa Blu, Ie-Ie-Ie Bar Tabacchi, Grassi Gioielleria, Farmacia Belisario Sciubba e Agricola Serani.

Dopo il lusinghiero esordio con la mountain bike, Cittareale guarda con fiducia ai prossimi appuntamenti sportivi: in cantiere un probabile approdo della Tirreno-Adriatico professionisti nel marzo 2014 (proposto l’arrivo in quota a Selva Rotonda) e nel 2015 futura sede del campionato italiano della ruzzola (gioco itinerante con il lancio delle rotelle di legno) in uno scenario impareggiabile come l’alto Reatino ai confini con l’Umbria, le Marche e l’Abruzzo.

 

a cura di Luca Alò

Rocca di Manfredi 2013 Antonio Folcarelli Samuele Grossi Mario Zaccaria
Rocca di Manfredi 2013 il podio master femminile
Rocca di Manfredi 2013 Stefano Capponi e Massimo Folcarelli
 

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
Banner dentro Notizia Assos

Ti potrebbero Interessare

PHILIPPE GILBERT: “NON E’ IL MOMENTO DI SMETTERE, MI DIVERTO ANCORA TANTO AD ANDARE IN BICI”

CondividiPhilippe Gilbert non ha intenzione di smettere. Dopo la brutta caduta al Tour de France …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *