SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
giro-di-turchia-2015-6-jpg

GIRO DI TURCHIA 2015



Bilbao finalizza il lavoro della squadra a Selcuk, Rebellin perde il primato in classifica.

La tanto attesa sesta tappa del Giro di Turchia incorona  Pello Bilbao Lopez De Armentia (Caja Rural – Seguros RGA).

 

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS

Il basco a Selcuk concretizza in grande stile l’ottimo lavoro della squadra, dopo una scalata finale intensa ed affrontata quasi in apnea dai corridori. A fare le spese degli alti ritmi è purtroppo  Davide Rebellin (CCC Sprandi Polkowice) che paga dazio negli ultimi 2 km e perde il simbolo del primato in favore di  Kristjian Durasek (Lampre – Merida).

 

Le emozioni della tappa si concentrano tutte nell’ascesa conclusiva di 5 km, presa di petto da un plotone trainato da Tinkoff – Saxo e Lampre-Merida. Esaurito il lavoro dei gregari è  Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team) il primo ad attaccare, seguito da un  Jay McCarthy (Tinkoff – Saxo) sempre attivo e generoso in questa settimana. Il colombiano classe ’94 si disfa in fretta del compagno d’avventura e guadagna progressivamente su quel che resta del gruppo con tutti i migliori.

 

Nel tratto più duro della salita è però la Caja Rural, forte anche della sua superiorità numerica, ad operare il forcing più deciso. La formazione iberica, sopratutto grazie al lavoro di  Lluis Guillermo Mas Bonet (Caja Rural – Seguros RGA), spiana la strada all’allungo di  Pello Bilbao Lopez De Armentia (Caja Rural – Seguros RGA) che frantuma il gruppo dei migliori. L’iberico riesce a riportarsi su Lopez all’interno dell’ultimo km, con lo sprint finale a due che finisce inevitabilmente per premiare lo stesso Bibao. A coronare la grande giornata del team spagnolo ci pensa  Heiner Rodrigo Parra Bustamente (Caja Rural – Seguros RGA), giunto 3° ad 11” davanti ad un duo composto da  Thomas De Gendt (Lotto Soudal) ed  Alex Cano Ardila (Team Colombia).

 

Si difendono bene sia  Kristjian Durasek (Lampre – Merida) che  Eduardo Sepulveda (Bretagne – Séché Environnement), arrivati a 18” dal vincitore, mentre  Davide Rebellin (CCC Sprandi Polkowice) chiude ad 1’01”. Il veneto cede la maglia a Durasek e si ritrova ora al secondo posto con 22” di ritardo, con Sepulveda a completare il podio provvisorio a 32” dal leader.

 

Domani ultima occasione per vedere qualche scossone in classifica generale, con i 168 km da Selcuk ad Izmir che vedranno la carovana impegnata in un GPM di 1a categoria a circa 30 m dall’arrivo.

 

 

Marco Bea

www.direttaciclismo.it

Immagine
     

INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
INBICI STORE BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *