MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
giro-ditalia-2015-13-jpg

GIRO D’ITALIA 2015



Davide Formolo (Team Cannondale – Garmin) ha vinto la quarta tappa del Giro d’Italia 2015 con arrivo a La Spezia.

 

Il veneto classe ’92 è arrivato in solitario dopo l’attacco sulla salita di Biassa: dietro, in un gruppetto scremato dal percorso,  Simon Clarke (Orica GreenEDGE) sprinta su  Jonathan Alejandro Monsalve Pertsinidis (Southeast) e si veste di rosa.

SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS

 

Botte da orbi tra i big: l’Astana attacca e lascia soli Porte, Contador e Uran che perde 40 secondi dai suoi avversari per la generale.  Fabio Aru (Astana Pro Team) mostra i muscoli e attacca sulla salita finale.

 

Se ne vanno in 27 che guadagnano fino a 12 minuti. Ci sono oltre a Formolo, Visconti, Montaguti, Pellizotti, Zardini e Colbrelli, uomini da generale come  Johan Chaves, ma soprattutto  Roman Kreuziger (Tinkoff – Saxo).

 

Caos tattico nella Tinkoff-Saxo: davanti con un vantaggio abissale un uomo che è arrivato 5° al Tour de France, dietro la squadra che si finisce nell’inseguimento.

 

All’attacco del Passo del Termine, penultima asperità di giornata, l’Astana si mette davanti a tutta seminando il panico nel gruppo. La ex maglia rosa  Michael Matthews  (Orica GreenEDGE) si stacca subito e va alla deriva.

 

Davanti scatti e controscatti, ma alla fine rimangono in 15 a giocarsi la tappa. Al primo passaggio di La Spezia il gruppo è ormai sulle tracce dei fuggitivi, con soli 2 minuti di ritardo. Da segnalare il fatto che Porte, Contador – colpevolmente – e Uran siano soli e i kazaki presentino ancora 4 uomini in gruppo e 1 –  Dario Cataldo – tra i fuggitivi.

 

Si attacca la rampa finale di Biassa: poco prima attacca  Davide Formolo (Team Cannondale – Garmin) che fa un assolo pazzesco di 12 km. Dietro Visconti e Moinard provano a seguirlo, ma vanamente.

 

Nel gruppo dei big forcing di Tiralongo prima della stoccata di Aru che non sarà decisiva, ma lascia strascichi psicologici da non sottovalutare. A farne le spese Uran (40″) mentre Contador, Porte e  Jurgen Van Den Broeck dimostrano di esserci.

 

Formolo, vicecampione italiano, dimostra di essere una felicissima realtà e trova al Giro la consacrazione. E’ lui il rivale di Aru nei sogni italiani del futuro.

 

 

Fonte www.direttaciclismo.it

Immagine
     

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *