SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
giro-ditalia-2015-28-jpg

GIRO D’ITALIA 2015



Un superlativo  Elia Viviani (Team Sky) trionfa nella seconda tappa del Giro d’Italia sul traguardo di Genova e corona il sogno di vincere nella corsa rosa.

 

Il corridore veneto precede, dopo uno sprint mozzafiato,  Moreno Hofland (Team Lotto NL – Jumbo) e  André Greipel (Lotto Soudal), piantatosi negli ultimi metri. Quarta posizione per  Luka Mezgec (Team Giant – Alpecin) mentre uno splendido  Alessandro Petacchi (Southeast) centra la quinta piazza.

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
INBICI STORE BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog

 

Altri cinque italiani nei primi dieci: sesto  Giacomo Nizzolo (Trek Factory Racing), ottavo  Davide Appollonio (Androni Giocattoli), nono  Daniele Colli (Nippo – Vini Fantini) e decimo  Paolo Tiralongo (Astana Pro Team).

 

La nuova maglia rosa, come da pronostico, è indossata da  Michael Matthews  (Orica GreenEDGE) giunto settimo all’arrivo.

 

Pronti via e attaccano in cinque corridori che caratterizzeranno l’intera giornata di gara:  Bert-Jan Lindeman (Team Lotto NL – Jumbo),  Giacomo Berlato (Nippo – Vini Fantini),  Marco Frapporti (Androni Giocattoli),  Eugert Zhupa (Southeast) e  Lukasz Owsian (CCC Sprandi Polkowice).

 

I fuggitivi raggiungono un vantaggio massimo nell’ordine dei 9′, nel frattempo entrambi i traguardi volanti della giornata sono appannaggio di Frapporti mentre l’unico GPM Pratozanino da Cogoleto – 4,20 Km 4.90 % vede passare in testa l’olandese Lindeman, prima maglia azzurra del Giro.

 

Come da copione i cinque fuggitivi iniziano a perdere terreno e poco dopo l’ingresso nel circuito finale di Genova vengono raggiunti dal plotone. Purtroppo il finale di corsa è caratterizzato dalle numerose cadute che coinvolgono  Matteo Pelucchi (IAM Cycling) (fuori uso per la volata),  Sonny Colbrelli (Bardiani – CSF),  Sylvain Chavanel (IAM Cycling),  Heinrich Haussler (IAM Cycling) fra gli altri. Ne fa le spese il nostro  Domenico Pozzovivo (AG2R La Mondiale) che non cade marimane attardato e purtroppo accuserà al traguardo un ritardo di 1’09”.

 

Gli ultimi chilometri di corsa sono controllati dalle squadre dei big, in primis Tinkoff – Saxo per Contador e Astana Pro Team per Aru.

 

Lo sprint finale è emozionante: parte lungo Modolo che desiste subito, ci prova Greipel ma anche lui si pianta negli ultimi metri, sembra sia la volta buona per Hofland, ma proprio sulla riga d’arrivo un superlativo Viviani lo beffa grazie al colpo di reni.

 

Per il corridore veronese è il primo grande successo al Giro che lo ripaga dei grandi sacrifici.

 

Nuova maglia rosa Matthews che precede in classifica generale i compagni di squadra  Simon Gerrans e  Simon Clarke. Purtroppo il ritardo di Pozzovivo si fa preoccupante: 1’57” dall’australiano.

 

Nicola Mugnaini

www.direttaciclismo.it

Immagine
     

Shimano Banner archivio Blog
INBICI STORE BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *