SFONDO COSMOBIKESFONDO ASSOS Sfondo Assos
TOP Shimano
Assos Top
Home > Tutti gli Articoli > GRANFONDO. NEW YORK IN SALSA PORTOGHESE
Partenza della inaugurale GFNY Portugal a Marina de Cascais

GRANFONDO. NEW YORK IN SALSA PORTOGHESE

Condividi

Ad inizio settembre, nell’antico villaggio di Cascais un evento dal fascino impareggiabile

Una nuova tappa del circuito internazionale Gran Fondo New York si è celebrata lo scorso 8 e 9 settembre a Cascais, antico paese di pescatori del Portogallo dove 750 appassionati del pedale, per un indotto complessivo di circa 7.500 visitatori, hanno partecipato ad un evento molto atteso.Un evento che proponeva un ricco campionario di bellezze: dalle eccellenze eno-gastronomiche alla suggestione dei paesaggi marittimi, dall’affascinante catena montuosa di Sintra alla festa di commiato nell’elegante Boca do Inferno a Marina di Cascais, una città costiera di 33.000 abitanti, nel Distretto di Lisbona, poco distante dalla celebre costa di Estoril.

 

BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Tutti cominciano la festa a Marina do Cascais

Una località incantevole che, non a caso, vive di turismo.  Grazie all’ospitalità del comitato organizzatore – capitanato da Ana Cavalcanti e Anibal Oliveira, presidente dell’Associazione Ciclismo Lisboa e direttore tecnico della GFNY Portugal – abbiamo avuto il piacere di visitare il paese portoghese e scoprire viale Re Umberto II in Marina di Cascais, la sede storica dell´Expo della  GFNY Portogallo. Dopo aver ritirato il mio pettorale e qualche bevanda, ho visitato il villaggio expò che ospitava diversi marchi di prestigio, come Europcar e Specialized.  Provate le comodissime pantofole di Luis Sousa e sperimentata un´utilitaria automatica della Mercedes Benz, ho visitato la scuola ciclistica Coelhinhos di Lisbona con il suo presidente e fondatore Paulo Vaz e l’insegnante di educazione fisica Maria Jôao Misseno. Abbiamo poi continuato a visitare l’Expo, parlando con le simpatiche ragazze di Europcar e la future tourist-manager Melanie Dos Santos e Valentina Candeias. Dopo aver ascoltato un gruppo folcloristico, abbiamo conosciuto  il tandem di presidenti dell’originale Gran Fondo New York, Miss Lidia ed Uli Fluhme, con i quali abbiamo sorseggiato un buon calice di rosso.   

La presidentessa della GF New York, Lidia Fluhme a dieci chilometri dall´arrivo. Foto:Sportograf

Nel menù proposto dagli organizzatori due opzioni: un tracciato lungo e competitivo di 162 km ed un altro più “light”, dedicato ai cicloturisti, di identica bellezza paesaggistica, di 82 km. Alle 8, quando si abbassa la bandierina, si comincia a spingere forte cercando di non perdere la ruota di chi ci precede.Ci dirigiamo verso via Marginali, in direzione Estoril e Carcavelos, dove troviamo il primo impegnativo ostacolo di giornata: una piccola rampa vicino al casino di Estoril al 4-6% che immette in una salita rettilinea e scomoda con uno spaventoso vento frontale verso a Linho (km25). E´ una battaglia che stordisce i sensi ma che, per fortuna, finisce subito. Il plotone si addentra poi nel parco naturale di Sintra avvolto nella nebbia con la rigogliosa vegetazione sullo fondo, uno dei posti più belli del Portogallo con il suo celebre Palazzo dà Pena di origine celta e la sua architettura urbana.

Lidia Fluhme, presidentessa della GF New York, sorride in uno strappo

Poi rotta verso Lourel e Negrais con visita a Mafra con il suo famoso Palazzo Nazionale. Ecco poi stagliarsi all’orizzonte il convento dei Cappuccini, preceduto da quasi sette km con tratti di salita al 7-9 per cento, più dolce verso il finale. Dopo la vetta, qualche fotografia e finalmente ci si gode la discesa verso Praia do Guincho a dieci km dall`arrivo. Il dio Eolo questa volta è magnanimo e si può preparare con serenità la volata finale nella Bocca do Inferno nell´arrivo di viale Umberto II. Medaglia a tutti per aver finito la prova ed un applauso convinto agli organizzatori.  Dopo il traguardo abbiamo parlato con l´ex professionista Américo Silva che ha corso nelle squadre spagnole Clas Cajastur ed Artiach. Oggi è il direttore del team Efapel, ma si mantiene in forma pedalando nelle gran fondo.

lo spagnolo e altri partecipanti finiscono contenti il percorso
Un gruppetto arriva felice, come l’autore di questo articolo, Alejandro Villalobos

Il dolce l´abbiamo condiviso con la coppia brasiliana di Sao Paulo José e Laila Romano, con cui abbiamo pedalato per gran parte del percorso.La festa si avvicina alla fine con le premiazioni di rito: il portoghese Vitor Lourenço, l`italiano  di Alba Ricardo Pichietta e Davide Machado (Europcar). Un appuntamento di alto lignaggio che, malgrado qualche dettaglio da migliorare, promette di diventare uno degli eventi ciclistici più affascinanti del Portogallo.

Alejandro Villalobos

Fotografie di A. Villalobos e sportograf

SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP

Ti potrebbero Interessare

IL TEAM SOUDAL-LEE COUGAN ESPUGNA LA CONQUISTADORES CUP DI PORTO AZZURRO CON MENSI E RONCHI

CondividiGara battagliata la granfondo di Porto Azzurro, che alla terza edizione vede alcuni dei grandi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *