SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO BANNER CHARLY GAUL
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
SFONDO ASSOS
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > IL MOVIMENTO CENTRALE
il-movimento-centrale-jpg
IL MOVIMENTO CENTRALE

IL MOVIMENTO CENTRALE


Il movimento centrale ha il ruolo di perno per le pedivelle, consentendone la rotazione e rendendo più fluida la trasmissione della forza con le minori dispersioni possibili di energia.

 

 

Banner dentro Notizia Assos
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

Negli ultimi anni il movimento centrale ha subito dei cambiamenti molto importanti e le innovazioni continuano tuttora, al punto che spesso si assiste a vere e proprie rivoluzioni che fanno nascere standard differenti e molto spesso, capita che questi nuovi standard richiedano telai realizzati su misura.

 

 

Movimento centrale classico

Il sistema tradizionale prevedeva un asse in acciaio temperato tenuto in posizione da un sistema di calotte regolate con precisione assoluta da un sistema a controdado. I pallini, trattenuti in gabbiette, potevano essere sostituiti così come ogni singolo pezzo del sistema.

Per il montaggio di un sistema di questo tipo ci vogliono chiavi apposite, ma anche molta abilità per lasciare al movimento la giusta fluidità senza fargli acquistare giochi che ne logorerebbero rapidamente le parti.

Le estremità dell’asse di questo movimento sono sfaccettate con quattro lati. Il sistema, infatti, è anche detto a “perno quadro”. Sia Campagnolo che Shimano avevano sistemi di questo tipo benché i due standard fossero comunque diversi e non perfettamente compatibili tra loro.

 

 

 

 

Lo schema di un movimento centrale tradizionale. Il montaggio prevede la gestione di tutti i singoli pezzi

 

 

Movimenti a cartuccia

La prima evoluzione dei sistemi a perno quadro si è avuta con l’introduzione dei movimenti cosiddetti a cartuccia. Non più calotte da regolare ma un sistema sigillato da sostituire completamente in caso di rottura. All’inizio qualcuno storse un po’ il naso di fronte ad una soluzione che non permetteva la regolazione perfetta e “a orecchio” come con i sistemi tradizionali. Il tempo smentì presto queste preoccupazioni. La precisione tecnologica, i cuscinetti sigillati e la grande facilità di montaggio decretarono un successo assoluto di questa soluzione.

Per montare il movimento bastava montare la calotta destra, infilare la cartuccia, e serrare la calotta sinistra. Facile e alla portata anche dei meno esperti senza rischio di danni.

 

 

 

Un movimento centrale a cartuccia. In questo caso niente perno quadro è già un movimento evoluto

 

 

Addio al perno quadro

Ad essere precisi il perno quadro non è scomparso ma nelle bici di alta gamma è stato praticamente abbandonato.

La ricerca verso la rigidità ha avuto come primo approccio proprio l’interfaccia tra il movimento centrale e le pedivelle. La soluzione è stata trovata nell’aumentare la superficie di contatto tra le parti con sfaccettature più complesse rispetto alla classica forma quadra.

Sono comparse allora soluzioni come l’Octalink di Shimano e l’Isis che hanno rappresentato una vera svolta dopo che la storia del ciclismo aveva conosciuto solo il perno quadro.

Asse passante

Il concetto classico di movimento centrale prevede che le pedivelle si innestino sull’asse che appoggia su cuscinetti interni alla scatola.

Sempre con l’idea di aumentare la rigidità è stata elaborata una soluzione che aumentasse la base di appoggio dell’asse. Non volendo appesantire i materiali si è passati a una soluzione più drastica: allargare l’appoggio dell’asse.

Per questo motivo i cuscinetti sono stati portati all’esterno della scatola del movimento centrale del telaio, racchiusi in calotte da avvitare; ciò è avvenuto sempre sui telai di misura standard.

Cuscinetti e asse, a questo punto, sono stati separati lasciando i primi nelle calotte ma fissando l’asse alla guarnitura per ottimizzare gli spazi a disposizione (e non rischiare di allargare il fattore Q). Il perno, viene quindi fatto passare attraverso le calotte fino a bloccarsi sulla pedivella sinistra in un sistema completamente nuovo e che ha riscosso un grandissimo successo.

 

 

 

Ultra Torque

Questo è il nome che Campagnolo ha dato alla sua soluzione ad asse passante. I motivi di questa soluzione sono sia tecnici che…politici.La ditta vicentina ha abbandonato per ultima il perno quadro ed ha cercato una soluzione che fosse in grado di dare un effettivo vantaggio tecnico ma anche di aggirare i brevetti con cui la concorrenza aveva blindato la soluzione ad asse passante.

La soluzione è stata realizzare un asse passante in due pezzi. Due semi assi, montati allo stesso modo sulla guarnitura e sulla pedivella sinistra, si uniscono al centro della scatola del movimento con una soluzione ben conosciuta in meccanica: il giunto Hirth. Si tratta di un impronta dentellata che fa combaciare perfettamente le due parti in una soluzione di grande robustezza ed efficacia.

Tra i vantaggio di questa soluzione Campagnolo ha dichiarato anche una riduzione degli ingombri esterni delle pedivelle (perché l’asse è già inserito su entrambe le pedivelle, senza dover pensare a soluzioni tecniche – ed ingombranti – per l’ancoraggio) a tutto vantaggio dello spazio a disposizione del piede.

 

 

L’Ultra Torque di Campagnolo

 

 

BB30

Aumentare la rigidità del movimento allargandone la base di appoggio è una soluzione efficace. Ma un’altra soluzione può essere pensare ad un maggiorazione dell’asse stessa del movimento centrale. Il BB30 è una soluzione che prevede l’impiego di un asse da 30 millimetri di diametro al posto del modello classico da 24. L’aumento delle dimensioni si ripercuote anche sul telaio che deve prevedere una scatola movimento di misura adeguata. La diffusione di questo standard è stata notevole anche grazie alla scelta di lasciare il brevetto “aperto”. Qualunque costruttore di componentistica può adeguarsi a questo standard senza la necessità di pagare diritti.

Molti telai ormai vengono proposti con questa soluzione anche perché è comunque possibile inserire un riduttore nel telaio per poter montare movimenti centrali di dimensioni standard.

Il sistema BB30 prevede le calotte non avvitate al telaio ma inserite a pressione.

 

 

 

Press Fit

Il Press Fit per certi versi è analogo al BB30 ma nel telaio si incastrano delle calotte che contengono i cuscinetti di funzionamento. L’asse maggiorato e le calotte più larghe aumentano la rigidità. Ogni telaista poi tende a personalizzare la soluzione, visto anche che la scatola più larga permette il montaggio di tubazioni di diametro maggiorato rispetto alle altre soluzioni.

 

 

Lo schema dell sistema Press Fit e, sotto, le calotte

 

fonte LORENZO COMANDINI Copyright © INBICI MAGAZINE

1
2
3
4
5
6
7
 

Condividi
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER

Ti potrebbero Interessare

UNDER 23 . GIRO DEL BELVEDERE: BATTISTELLA SI AGGIUDICA LA CLASSICA TREVIGIANA

Splendido testa a testa fra due dei migliori elementi del panorama under 23 italiano, che …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *