SFONDO ASSOS Sfondo Assos SFONDO COSMOBIKE
sabato , 18 agosto 2018
ITALIA BIKE FESTIVAL - TOP
Assos Top
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > IL PUNTO CRITICO: DAL FUTURO DELLE E-ROAD BIKE ALLE RUOTE DEL SULTANO
La Nytro ha segnato l’ingresso “pesante” di Pinarello nel mondo delle e-road bike. questo modello riesce a coniugare il family-feeling delle blasonate bici del marchio di Treviso con una valida assistenza elettrica e con un peso di soli 13 chili, da record per la categoria.

IL PUNTO CRITICO: DAL FUTURO DELLE E-ROAD BIKE ALLE RUOTE DEL SULTANO

Condividi

L’osservatorio sul mondo delle due ruote. Le tendenze e le nostre considerazioni su ciò che propone il mercato

Rispetto a quello delle e-mountain bike il mercato delle e-road bike, ossia delle bici da corsa a pedalata assistita, è partito sicuramente in sordina e ha prodotto numeri molto inferiori.

Negli ultimi mesi, però, questo segmento sta crescendo in maniera significativa, proponendo modelli e nuovi standard tecnologici. La crescita delle e-road bike è un altro inequivocabile segnale di quanto il mercato dell’elettrico sia il vero e proprio polmone che alimenta l’industria ciclistica mondiale. Sempre più aziende, infatti, propongono tecnologie e standard tecnologici innovativi, avvicinando segmenti di pubblico fino a ieri estranei a questa disciplina.

Banner dentro Notizia Assos
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

I presagi di alcuni dicono che l’industria del ciclo subirà un duro colpo quando i grandi gruppi industriali dell’automotive e della motocicletta metteranno le mani su questo che è indubbiamente il business del futuro, proponendo la loro tecnologia e i loro sistemi sulle e-bike del domani e facendolo forti di una forza economica che il “povero” mercato della bicicletta non saprà contrastare.

La nostra modesta opinione? Crediamo che per realizzare una perfetta e-bike non serva solo saper produrre validi sistemi di alimentazione o efficienti batterie, ma serva prima di tutto sapere che cosa è una bicicletta, come questa va configurata e quali sono i fondamentali per realizzare un telaio che si abbini nel modo migliore al suo sistema di alimentazione assistito e alla sua batteria.

Ad essere precisi bisognerebbe chiamarla “e-all road bike”: già, perché la Bianchi Impulso ha caratteristiche che la assimilano di più alle gravel bike che alle bici da corsa classiche. La batteria integrata nel tubo diagonale ha una potenza di 500 Wh. L’autonomia è di ben 200 kilometri se si usa l’assistenza al 30 per cento delle sue capacità.

 

Abbiamo dei subbi che chi le biciclette non le ha mai costruite possa velocemente far proprio questo know-how oppure possa acquisirlo semplicemente perché ha i soldi e sa fare buoni motori. Quel che è certo è che, ad oggi, le numerose nuove proposte che arrivano nel segmento dell’elettrico sono quasi tutte provenienti da case che hanno una tradizione ciclistica e non stanno arrivando certo da altri “mondi”.

Qualche esempio? La e-road bike che da noi in Italia ha la maggiore visibilità è di sicuro la bellissima Pinarello Nytro, ma possiamo anche parlare della Bianchi Impulso, della Cube Agree Hybrid o della Focus Project Y, giusto per menzionare qualche esempio di e-bike sulla quale il sistema di alimentazione si abbina perfettamente all’architettura, al design e alla configurazione “classica” della bicicletta da corsa.

Non per essere “ciclocentrici”, per carità, ma abbiamo qualche dubbio che i grandi gruppi dell’automotive piuttosto che della motocicletta sapranno realizzare in futuro delle biciclette così funzionali e, allo stesso tempo, così belle.

Si chiama Agree Hybrid la proposta “e-road” della tedesca Cube. Il telaio è in carbonio, con forme armoniose che combinano al meglio la motorizzazione siglata Fazua da 250 Watt alloggiata nella zona movimento. Batteria da 250 Wh. Il gruppo montato di serie è un affidabile Shimano 105.

 

Le ruote più costose al mondo

La nuova Fernweg Disc della tedesca Lightweight è una ruota che a molti potrebbe sembrare bizzarra o quanto meno curiosa: il cerchio, alto 70 millimetri, realizzato in carbonio e destinato al montaggio con i copertoncini, è compatibile con freni a disco: sono caratteristiche tecniche decisamente fuori dall’ordinario o, almeno, fuori dalle richieste che propone oggi il mercato di massa.

Proprio così, questo altissimo profilo che svetta all’interno della collezione Lightweight è nata semplicemente perché, a metà 2017, un rivenditore di Dubai doveva assecondare la richiesta di un sultano locale, che al suo negoziante di fiducia aveva chiesto proprio una ruota con caratteristiche simili.

La Fernweg Disc con cerchio alto 80 millimetri è la risposta di Lightweight alla curiosa richiesta di un dealer di Dubai che per assecondare un suo facoltoso cliente ricercava una “super” ruota aerodinamica per freni a disco. Oltre a questa è prodotta anche in una variante con cerchio da 60 millimetri.

 

Così come tutte le ruote Lightweight anche le Fernweg Disc utilizzano del carbonio per realizzare i cerchi i raggi e i corpi mozzi. I tre elemento sono montati assieme in maniera solidale e strutturale, non sono avvitati come avviene su tutte le altre ruote in commercio.

 

 

Il risultato è questa filante ruota che, alla stravaganza delle sue specifiche tecniche, aggiunge un prezzo al pubblico altrettanto fuori dal comune: con quasi settemila di euro la coppia le Ferneeg Disc sono le ruote di serie più costose al mondo. Sicuramente non è questo un problema per il ricco sultano di Dubai che per primo le ha potute utilizzare…

Nonostante il profilo altissimo le Fernweg Disc hanno comunque in peso totale da urlo: solo 1865 grammi la coppia. E probabilmente anche questo è uno dei migliori al mondo se si considera la categoria di ruota di cui abbiamo appena parlato.

Il cerchio utilizza carbonio ad altissimo modulo. Ha una larghezza di 20 millimetri e una larghezza della gola interna da 13 mm (per la versione copertoncino, visto che c’è anche la “tubolare”). I raggi con profilo “areo” sono 20 sia sull’anteriore che sul posteriore.

 

a cura di Maurizio Coccia – Copyright © INBICI MAGAZINE

SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
BANNER Dentro Notizie SMP

Ti potrebbero Interessare

BINCK BANK TOUR: ARRIVA LA FUGA E VINCE CORT NIELSEN. MOHORIC SEMPRE LEADER

CondividiMagnus Cort Nielsen (Astana Pro Team) ha vinto la quinta tappa del BinckBank Tour, regolando …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *