Sfondo Assos
SFONDO COSMOBIKE
SFONDO ASSOS
SFONDO GIRO DI SARDEGNA 2
SFONDO GIRO DI SARDEGNA
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > IL TRACCIATO DI PILA VISTO DA FRANCESCO COLOMBO E CORRADO HERIN
il-tracciato-di-pila-visto-da-francesco-colombo-e-corrado-herin-1-jpg
IL TRACCIATO DI PILA VISTO DA FRANCESCO COLOMBO E CORRADO HERIN 1

IL TRACCIATO DI PILA VISTO DA FRANCESCO COLOMBO E CORRADO HERIN


Manca ormai alcuni giorni alla seconda e ultima tappa italiana della IXS European Downhill Cup.

 

 

Banner dentro Notizia Assos
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE

Pila, località turistica della Valle d’Aosta, si sta preparando ad accogliere i funambolici piloti che scenderanno a tutta velocità dalla spettacolare e unica “Renato Rosa”, tirata a lucido dallo staff della Pila Spa, diretto da Mauro Cornaz, e dal campione di downhill e tracciatore Corrado Herin.

Intanto a Pila tanti “downhiller” hanno già testato i 2.600 metri del percorso di gara. Anche Francesco Colombo, campione italiano ed europeo Juniores nel 2013, ha raggiunto la Valle d’Aosta per allenarsi e scoprire il “track” disegnato da Corrado Herin. La sua partecipazione alla IXS Cup di Pila è ancora in forse a causa di concomitanti impegni con la Coppa del Mondo, ma intanto ne ha approfittato per ispezionare il percorso e ascoltare qualche preziosissimo consiglio di Herin.

 

 

Il tracciato non presenta particolari novità rispetto alle passate edizioni. Si parte dai 2311 metri dell’arrivo della seggiovia Chamolé e ci si immette subito nella prima variante di Coppa del Mondo, una zona con salti e sassi (naturale), abbastanza tecnica ed estremamente spettacolare anche per il pubblico. Si esce da una variante e si entra subito nell’altra (IXS), realizzata nel 2011 e ormai assestata. Qui, i piloti troveranno un percorso lento con sassi, radici e qualche passerella in legno. Successivamente si entra nella parte vecchia e si attraversa per la prima volta la pista da sci: una zona aperta, utile per rifiatare. Subito dopo ecco la seconda variante di Coppa del Mondo. Qui la fatica inizia a farsi sentire. È una zona non troppo difficile dove però è importante guidare bene. Si arriva all’intermedio e ci si immette nuovamente sulla pista da sci: sponde, compressioni e salti solleciteranno ancora una volta i concorrenti.

 

 

Nella seconda parte aumenta la velocità ed è necessario continuare a pedalare e rilanciare l’azione. È una zona in cui la stanchezza inizia a farsi sentire «Chi non riesce a dosare le energia qui paga dazio. Bisogna prendere un bel ritmo» dice Herin. L’ultima parte presenta curve in sottobosco, un toboga, il doppio salto (sempre affollato dal pubblico), il salto finale e lo shuss che immette sul traguardo.

Un percorso davvero entusiasmante e misto, con zone veloci e tecniche, passaggi semplici e impegnativi, salti, paraboliche e compressioni. «La zona Ixs è una delle più difficili – ha detto Francesco Colombo in ricognizione -. Se piove diventa tosto mantenere la traiettoria. Dopo la seconda variante di CdM è tutto un pelo più semplice, ma se sbagli l’ingresso arrivi lento e ti giochi la gara. Portar fuori velocità dalla variante di Coppa del Mondo è fondamentale per fare il tempo».

Informazioni: www.piladh.eu

IMG 2044.JPG
IMG 2047.JPG
IMG 2060.JPG
IMG 2068.JPG
IMG 2176.JPG
IMG 2213.JPG
   

Condividi
Banner dentro Notizia Assos
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG

Ti potrebbero Interessare

10 DOMANDE A…ALESSANDRO TONELLI: “SOGNANDO IL LOMBARDIA”

Nel 2018 ha ottenuto la sua prima vittoria da professionista. Oggi, alla sua quinta stagione, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *