SFONDO ASSOS Sfondo Assos SFONDO INTERNAZIONALI D\'ITALIASFONDO COSMOBIKE
domenica , 27 maggio 2018
TOP Shimano
Ciclo Promo Componentes TOP
Assos Top
Inbici Top Challenge
Home > Tutti gli Articoli > KRISTOFF APRE LE DANZE ALL’ ABU DHABI TOUR
Abu Dhabi Tour 2018 - 1st stage Al Fahim stage Madinat Zayed - Adnoc Shool 189 km - 21/02/2018 - Alexander Kristoff (NOR - UAE Team Emirates)

KRISTOFF APRE LE DANZE ALL’ ABU DHABI TOUR

Condividi

Per la serie “riprendere le cose da dove si erano lasciate: Alexander Kristoff aveva chiuso con una vittoria al Dubai Tour ed ha aperto vincendo la tappa inaugurale il Tour of Abu Dhabi.

Da segnalare la brillante volata di Andrea Guardini che si è piazzato in seconda posizione, terzo Caleb Ewan. Nei dieci chiudono anche Elia Viviani (quarto), Niccoló Bonifacio (sesto) e Michael Bresciani (settimo). Essendo la prima frazione anche la classifica generale è guidata da Kristoff che mette così insieme una bella accoppiata: vittoria di tappa maglia di leader.

Il profilo altimetrico della prima tappa del Abu Dhabi Tour 2018 da Madina Zayet a Adnoc School nonostante la lunghezza, 189 chilometri, faceva presagire già il finale: volata di gruppo con i velocisti a farla da padroni. Anche un altro sviluppo della frazione era facilmente prevedibile: dopo pochi chilometri dalla partenza sarebbe andata via una fuga. Così è stato: due chilometri dopo il via ufficiale, dato alle 12:23, scattano in cinque senza alcuna resistenza da parte del plotone. Ecco i loro nomi: Vincenzo Albanese (Bardiani Csf), Damiani Caruso (Bmc Procycling Team), Nikolay Trusov (Gazprom Ruzvelo), Charles Planet (Team Novo Nordisk), Toms Skujins (Trek Segafredo). Il loro vantaggio in pochi chilometri tocca il limite massimo di 4’30” margine che non verrà mai superato grazie al controllo del plotone. Nei primi chilometri il fatto di maggiore rilievo è il ritiro di Mark Cavendish al sesto chilometri di gara: peccato per Cannonball che aveva dato buoni segnali di ripresa al Dubai Tour. I due traguardi intermedi, all’inizio e a metà gara, sono vinti rispettivamente da Trusov e Skujins: è proprio quest’ultimo che prova ad abbandonare la compagnia intorno ai sessanta dal traguardo ma rimbalza e una volta ripreso dai figgitivi non reggendo il ritmo viene riassorbito anche dal plotone.

 

Banner dentro Notizia Assos
Banner dentro Notizia INBICI TOP CHALLENGE
BANNER DENTRO NOTIZIE CosmoBike
Banner Dentro Notizia - LARM
BANNER Dentro Notizie SMP

Davanti è una corsa ad eliminazione: mentre il margine cala e arriva a toccare il minuto si staccano prima Albanese e Trusov e negli ultimi venti chilometri anche Planet. Caruso affronta un lungo testa a testa col gruppo che termina ai meno dieci quando, ripreso il siciliano, il plotone torna compatto e pronto a sprintare. Ritmi elevatissimi nel finale a precedere la volata vincente di Alexander Kristoff che ha regalato Guardini e Ewan. Domani seconda tappa: non molte difficoltà altimetriche ma insidia vento nei 154 chilometri da Yas Mal a Yas Beach.

fonte direttaciclismo.it  – Stefano Zago

BANNER DENTRO NOTIZIE CosmoBike
Banner Dentro Notizia - LARM
Banner dentro Notizia INBICI TOP CHALLENGE
BANNER Dentro Notizie SMP
Banner dentro Notizia Assos

Ti potrebbero Interessare

GIRO. ANALISI DELLA VENTUNESIMA TAPPA: ROMA – ROMA

CondividiIl ponte ideale, che unisce la partenza e l’arrivo del Giro d’Italia 2018, nel nome …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *