Sfondo Assos SFONDO ASSOS SFONDO COSMOBIKE
giovedì , 16 agosto 2018
ITALIA BIKE FESTIVAL - TOP
TOP Shimano
Assos Top
Home > Tutti gli Articoli > LE EMOZIONI DEL GIRO D’ITALIA IN UN COCKTAIL PANORAMICO CON UN’INVITATA SPECIALE
le-emozioni-del-giro-ditalia-in-un-cocktail-panoramico-con-uninvitata-speciale-jpg

LE EMOZIONI DEL GIRO D’ITALIA IN UN COCKTAIL PANORAMICO CON UN’INVITATA SPECIALE

Condividi

FFC È TRA LE ONLUS PROTAGONISTE DELLA CAROVANA SOLIDALE DEL GIRO,CON IL CONTRIBUTO DI DEKRA.

E IN CONCOMITANZA LANCIA IL CONCORSO “PEDALANDO PER LA RICERCA”, LEGATOALL’OMONIMO LIBRO A CURA DI MATTEO MARZOTTO CHE METTE IN PALIO UNA BICI FIRMATA DAL CAMPIONE MAX LELLI.

 

BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos

A PRESENTARE L’INIZIATIVA IL VICEPRESIDENTE DELLA ONLUS E TANTI AMICI DELLO SPORT E DELLA SOLIDARIETÀ.

 

Imola, città di sport e velocità, corre in questi giorni la sua gara più importante: quella per la ricerca. Mercoledì 20 maggio, infatti, la città si colora di rosa per il traguardo dell’11° tappa del Giro d’Italia, la tradizionale e amatissima manifestazione ciclistica giunta alla sua                                                                                          98° edizione,  e  apre  le  porte  a  un  esclusivo  evento  promosso  dalla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica, quest’anno tra i qualificati enti no- profit protagonisti della Carovana del Giro d’Italia, lo sgargiante corteo di automezzi che annuncia l’arrivo degli atleti e anticipa le sensazioni della gara, grazie al contributo solidale di Dekra, leader mondiale nella sicurezza stradale.

 

Sulla Torre Dekra con vista sul famoso autodromo, la Delegazione imolese FFC Onlus allestisce uno spettacolare cocktail di gala per sensibilizzare nei confronti della fibrosi cistica, la malattia genetica grave più diffusa ma ancora poco conosciuta La patologia conta oltre due milioni e mezzo di portatori sani nel nostro Paese: una persona su venticinque, in grado di trasmetterla ai propri figli. Padrino dell’evento sarà lo stesso vicepresidente e cofondatore della Onlus Matteo Marzotto, da anni divulgatore instancabile del lavoro della Fondazione a favore della ricerca scientifica. Accanto a lui, molti amici che condividono lo spirito di solidarietà e le iniziative della FFC, promuovendone gli obiettivi e prestando il loro volto alla buona causa: gli appassionati bikers  Davide  Cassani,  Iader  Fabbri,  Max  Lelli  e  Fabrizio  Macchi saranno presenti durante la presentazione del libro “Bike Tour – Pedalando per la ricerca” che aprirà il pomeriggio mondano e ne ripercorreranno a parole le tappe più belle: il charity book fotografico raccoglie gli scatti magici catturati durante il viaggio, lungo migliaia  di  chilometri,  che  ha  portato  i  tanti  sostenitori  della  ricerca  FFC  Onlus  awww.fibrosicisticaricerca.it   fondazione.ricercafc@ospedaleuniverona.it

 

testimoniarne  il  valore nelle  principali città d’Italia.  Un diario  di bordo popolato di persone ed emozioni che, per l’occasione, ospita una speciale sorpresa.

All’interno del libro, infatti, è custodita una cartolina che dà la possibilità di partecipare al concorso “Pedalando per la Ricerca”, il cui ricavato sarà completamente devoluto a un progetto di ricerca clinica FFC. In palio, la bicicletta ad altissimo contenuto tecnologico “Brigante” progettata, accessoriata e personalizzata dal campione Max Lelli dal valore finale di 3.800 euro. Per aderire sarà sufficiente compilare la cartolina e spedirla alla Fondazione  all’indirizzo:  Ospedale  Maggiore,  piazzale  Stefani 1,  37126  Verona, partecipando così all’estrazione finale

che si terrà entro il 26 novembre.

Al   termine   della   presentazione,   la   Torre   dell’Autodromo   diventerà   un   punto d’osservazione  privilegiato  per  assistere  al  traguardo  di  tappa  del  Giro  d’Italia, sorseggiando un cocktail con la prestigiosa compagnia dei campioni presenti e regalando ai tanti appassionati un colpo d’occhio spettacolare sulla fase culminante della gara.

Un evento che unisce così partecipazione e passione, leggerezza e consapevolezza in un grande pomeriggio di agonismo e solidarietà. Il prezzo di 20 euro previsto per il biglietto sarà devoluto al sostegno del progetto FFC 27/2014 di ricerca clinica.

 

Organizzatori  dell’evento,  i  delegati  imolesi  della  Onlus  animeranno  anche  lo  stand firmato FFC che affiancherà il tracciato di corsa, distribuendo materiale informativo e contribuendo live a promuovere i risultati ottenuti dalla ricerca e gli obiettivi futuri, ambiziosi ma fondamentali per le persone malate.

La  Fondazione,  riconosciuta  come  l’Agenzia  per  la  Ricerca  FC,  da  anni  segna scientificamente la via italiana verso la cura. In sinergia con l’Istituto G. Gaslini e con l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) di Genova, è attualmente promotrice nell’ambizioso progetto  made  in  Italy  “Task  Force  for  Cystic  Fibrosis”  con  un  contributo  di 1.250.000 euro. Il grande progetto vede all’opera un’equipe di studiosi italiani alla ricerca del farmaco chiave in grado di curare la mutazione ∆F508, la più frequente in FC, che potrebbe cambiare definitivamente la sorte della maggior parte dei malati fc nel mondo.

 

Lo scorso febbraio la prima fase è stata ultimata e, a fronte dei promettenti risultati emersi, è stato approvato il secondo step di avanzamento, in una competizione scientifica internazionale a cui FFC partecipa a pieno titolo.

Chi nasce con la fibrosi cistica ha ereditato il gene difettoso, CFTR mutato, sia dal  padre  che  dalla  madre, entrambi  portatori  sani.  Il  gene  difettoso  CFTR, responsabile  della  malattia,  provoca  una  produzione  di  muco  molto  denso  che progressivamente ostruisce i condotti di molti organi. L’attesa media di vita dei malati negli ultimi vent’anni è raddoppiata e oggi, grazie ai progressi della ricerca, si attesta intorno ai quarant’anni. La Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica nasce a Verona nel 1997 a opera del professor Gianni Mastella e degli imprenditori Vittoriano  Faganelli  e  Matteo  Marzotto.  Riconosciuta  dal  MIUR  come  Ente promotore dell’attività di ricerca scientifica FC, da diciotto anni finanzia progetti di ricerca clinica e di base per migliorare la qualità di vita dei malati e sconfiggere la fibrosi cistica,  contribuendo  attraverso  gli  studi  avanzati  e  i  risultati  raggiunti  anche  alla risoluzione di altre gravi patologie.

 

www.fibrosicisticaricerca.it   |  fondazione.ricercafc@ospedaleuniverona.it

ce fiscale 93100600233

+39 045.812 7026 / 3599 / 7033 / 703D e -legazioni |Gruppi | Volontari

+39 045 812 3605 / 3604

 

Fondazione-Ricerca-Fibrosi-Cistica
     

SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
BANNER Dentro Notizie SMP
Banner dentro Notizia Assos

Ti potrebbero Interessare

TOUR DU LIMOUSIN: WACKERMANN VINCE IN SOLITARIA LA SECONDA TAPPA

Condividi“E’ una liberazione” afferma il lombardo. Ottavo successo nel 2018 per la Bardiani-CSF Una cavalcata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *