SFONDO ASSOS
domenica , 18 Agosto 2019
INBICI STORE BANNER TOP
INBICI STORE BANNER TOP NERO
Home > Tutti gli Articoli > MOTORINI AL GIRO D’ITALIA?
motorini-al-giro-ditalia-jpg
MOTORINI AL GIRO D’ITALIA

MOTORINI AL GIRO D’ITALIA?



Nonostante i controlli dell’Uci anche sul Giro d’Italia si allunga l’ombra del doping tecnologico.

 

La nuova puntata dell’inchiesta sulle bici truccate con i motorini condotta da Stade 2, una trasmissione sportiva della Tv francese, ha svelato particolari inquietanti, pur senza nessuna vera prova. A finire nell’occhio del ciclone è stato lo sloveno Primoz Roglic, arrivato al Giro da sconosciuto e uscito da vincitore di una delle tappe più attese, la cronometro in Toscana.

ISTRIA Granfondo banner blog
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner archivio Blog - Shimano
Banner dentro Notizia Assos
PISSEI BANNER BLOG + DENTRO NOTIZIE 12 LUGLIO
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS

 

Roglic, una crono uscita da chissà dove 

Primoz Roglic è stato il personaggio più curioso lanciato dal Giro d’Italia. Ex saltatore con gli sci, disciplina in cui è stato Campione del mondo juniores, Roglic si è avvicinato tardi al ciclismo. Lo scorso anno si è fatto notare con qualche buon risultato nelle corse minori ed è stato ingaggiato dalla Lotto Jumbo. Al debutto nel grande ciclismo si è messo presto in evidenza con buone prestazioni in montagna, soprattutto alla Volta Algarve dove ha chiuso al quinto posto in classifica.

Ma al Giro d’Italia si è trasformato completamente, arrivando ai livelli di campioni come Dumoulin e Cancellara nelle tappe a cronometro. Nel prologo in Olanda ha perso da Dumoulin per una manciata di centesimi. Nella crono del Chianti ha superato l’ex primatista dell’ora Brandle, il norvegese Laengen, un certo Fabian Cancellara e l’ex iridato under 23 Vorobyev. Non male per un corridore come Roglic che non aveva mai raggiunto nessun risultato nelle cronometro, neanche nelle corse minori, e mai prima del Giro si era misurato con crono superiori ai dieci chilometri.

 

 

Le stranezze della vittoria di Roglic 

Già nel dopo tappa erano emersi alcuni particolari davvero insoliti sulla vittoria dello sloveno. 

La bici da cronometro di Roglic era stata dichiarata non conforme al regolamento durante le consuete misurazioni che vengono effettuate prima della gara. In extremis il corridore sloveno aveva trovato una bici di scorta appena prima di dover prendere il via. Con quella bici, che non fu sottoposta a nessun controllo, Roglic corse e vinse la sua cronometro. Lo sloveno raccontò poi di aver perso il computerino di bordo della bicicletta, rendendo così impossibile un’analisi accurata dei dati della sua prova.

A rendere sospetta la prova di Primoz Roglic sono altri particolari. Nella crono incriminata non sarebbero stati presenti al Giro d’Italia gli ispettori dell’Uci incaricati di individuare per mezzo dei tablet la presenza dei motorini nelle biciclette. Fanno riflettere i dati sui controlli per trovare il doping tecnologico effettuati dall’Uci al Giro d’Italia: circa 2.000 in totale, ma metà dei quali effettuati nelle prime tre giornate in Olanda e altrettanti per tutte le 18 tappe italiane.

E si ricorderà poi della prima parte dell’inchiesta di Stade 2, quella che rivelò le sette bici fortemente sospette scoperte alla Strade Bianche e alla Coppi e Bartali per mezzo delle telecamere termiche. Ebbene una di quelle sette bici era proprio quella su cui Roglic pedalava alla Strade Bianche.

 

 

fonte blastingnews.com (ALESSANDRO CHETI)

bici-e-doping-tecnologico-il-vero-motore-e-nella-ruota 754731
Immagine
   

INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
Banner dentro Notizia Assos
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
PISSEI BANNER BLOG + DENTRO NOTIZIE 12 LUGLIO
ISTRIA Granfondo banner blog
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
Banner archivio Blog - Shimano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *