MAGNETIC DAYS SKIN BANNER
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
imola autodromo veduta aerea

NON SOLO CICLISMO: LUNGO LA VIA EMILIA CORRE ANCHE LA GRANDE PASSIONE PER I MOTORI


Motor Valley, un distretto industriale da 16 miliardi di euro, uno strumento di valorizzazione turistica del territorio.

Con i Campionati del Mondo di ciclismo UCI Imola – Emilia-Romagna 2020 in corso di svolgimento, si consacra ancora una volta la grande tradizione di una Regione storicamente votata alla passione per le due ruote a pedali.

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog
INBICI STORE BANNER NEWS

Ma lungo la via Emilia corre anche la grande passione per i motori.
Una passione antica, collegata alle radici agricole dell’Emilia-Romagna, ma che negli anni ha saputo evolversi e crescere. Una tradizione che si mantiene viva grazie a una costante ricerca e sperimentazione tecnologica e a percorsi professionali e accademici di alto livello.

Ferrari, Maserati, Ducati, Lamborghini, Dallara, Pagani. In un territorio di neanche 150 chilometri si concentrano alcuni dei marchi motoristici più prestigiosi e famosi nel mondo.

E poi i circuiti: Varano de’ Melegari, Modena, il Misano World Circuit, intitolato a Marco Simoncelli, il “Sic”. Oltre all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola che quest’anno ospita a poche settimane di distanza il Gran Premio di Formula uno e i Campionati mondiali di ciclismo.

E ancora: una rete senza eguali di musei specializzati, collezioni private, centri di formazione, piste di minimoto, kart e i crossodromi. E tanti campioni delle due e quattro ruote che qui sono nati.

In una parola: la Motor Valley un importante distretto industriale forte di 16.500 aziende e oltre 66mila addetti, con 16 miliardi di fatturato annuo e un export di 7 miliardi.

Uno strumento di valorizzazione del territorio anche in chiave turistica. L’Osservatorio Turistico della Motor Valley, studio sviluppato da Unioncamere Emilia Romagna, Trademark Italia e Mailander, mostra come il prodotto Motor Valley abbia portato nel 2018 sul territorio 1,8 milioni di visitatori totali di cui il 44% italiani e il 56% stranieri (oltre 1,2 milioni di pernottamenti) e più di 300 milioni di euro di impatto economico (tra ricaduta economica degli eventi nei circuiti di Imola e Misano e visite ai musei aziendali).

Un grande patrimonio culturale in cui l’amore per la velocità si incontra con il gusto del saper fare e la voglia di intraprendere che rappresentano uno dei tratti distintivi di questa terra e dei suoi cittadini.

Le nuove sfide della mobilità elettrica: la Cina sceglie l’Emilia-Romagna

Una realtà che non si sottrae alle nuove sfide. Prima tra tutte quella mobilità elettrica. La transizione green che l’Europa chiede, nella Motor Valley è già avviata grazie al mini-distretto dell’elettrico, l’affermazione internazionale di Energica Motor e con alcuni possibili sviluppi interessanti prevenienti dagli investitori internazionali.

A maggio 2020 infatti l’annuncio di un importante investimento da parte di FAW, il più grande produttore di auto cinese (con quasi 4 milioni di veicoli venduti in Cina e 90 miliardi di dollari di fatturato) insieme a Silk EV, società specializzata nell’ingegneria e nel design di auto, per la progettazione, ingegnerizzazione e produzione di vetture di alta gamma full electric e plug-in in Italia, appunto nella Motor Valley emiliano-romagnola.

Un investimento da 1 miliardo di euro per sviluppare un nuovo ecosistema di innovazione tecnologica e ingegneria automobilistica all’avanguardia unendo competenze e cultura italiana nel segmento premium e super premium, con la nascita di un vero e proprio hub dell’auto elettrica nella Motor Valley, che la Regione Emilia-Romagna sta accompagnando.

Investire sulle competenze: la Motorvehicle University of Emilia-Romagna

Tra le nuove sfide anche quella degli investimenti sui saperi, le competenze e le nuove generazioni.
E’ il caso di MUNER, la Motorvehicle University of Emilia-Romagna. Ovvero: giovani talenti italiani e di tutto il mondo con la passione per l’innovazione delle due e quattro ruote chiamati dai principali brand internazionali dell’automotive a sviluppare il futuro del settore, frequentando innovativi corsi di laurea magistrali in lingua inglese.
Un progetto, unico nel panorama italiano e straniero, fortemente voluto dalla Regione Emilia-Romagna, che dal 2017 ha sviluppato un raccordo sinergico tra università, enti di ricerca e industria e sostenuto finanziariamente l’Associazione Motorvehicle University of Emilia-Romagna.

MUNER mette insieme gli atenei regionali sinonimo di alta formazione – Università di Bologna, Università di Ferrara, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Parma – e le case motoristiche che rappresentano l’eccellenza del Made in Italy nel mondo e che affondano le radici storiche nel territorio: Automobili Lamborghini, Dallara, Ducati, Ferrari, HaasF1Team, HPE COXA, Marelli, Maserati, Pagani, Scuderia AlphaTauri. Ogni anno qui si laureano gli ingegneri del futuro nell’automotive, che contribuiscono a rafforzare il primato di un comparto – quello della Motor Valley emiliano-romagnola – unico al mondo.

SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *