GSG.COM SKIN BANNER
CICLO PROMO COMPONENTS TOP BANNER GARDIA

CLAUDIA CRETTI INVESTITA IN ALLENAMENTO, NULLA DI ROTTO PER LA VENTISETTENNE BERGAMASCA 


Un brutto quarto d’ora per Claudia Cretti, fortunatamente senza troppe conseguenze. La ventisettenne della Nazionale di paraciclismo è stata coinvolta ieri, 5 gennaio, in un incidente mentre si stava allenando a Darfo Boario Terme, in provincia di Brescia, per presentarsi nella condizione ideale in vista di un ritiro con la selezione azzurra a Francavilla.

Mentre si trovava in strada per il suo allenamento, un furgone ha tagliato la strada all’atleta paralimpica, facendola cadere in malo modo e battendo mandibola, costato e spalla sull’asfalto. Trasportata all’ospedale di Esine, in provincia di Brescia, per i dovuti accertamenti, non è stato fortunatamente riscontrato nessun danno fisico sul corpo dell’azzurra, che aveva ovviamente il casco protettivo.

 

CICLOPROMO FEBBRAIO REVOLOOP - BANNER SOPRA TOP NEWS
BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY
SHIMANO 105 BANNER BLOG FEBBRAIO
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
SHIMANO BANNER Banner GENNAIO
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS

 

Claudia ha commentato sui propri social l’accaduto, seppur con un po’ di amarezza: “Ciao a tutti. Voglio tranquillizzare tutti che sono a casa e sto bene. Nessuna frattura perlomeno. Solo tanta rabbia perché oltre il danno la beffa: l’autista del furgone che mi ha tagliato la strada svoltando a destra dopo avermi superato, nega, dice che l’ho tamponato. Purtroppo non ci sono testimoni. Sono un po’ acciaccata ma per fortuna non ho riportato nessuna frattura. Grazie a tutti dell’affetto che mi dimostrate”.

Per la Cretti non è il primo incidente in sella: ricordiamo tutti quando, nel 2017, cadde in discesa nella settima tappa del Giro Rosa e riprese conoscenza dopo un coma di tre settimane e due operazioni alla testa, servita per applicarle una placca di metallo. Ma tornando al presente, e a ciò che è successo ieri, è doveroso sottolineare come la categoria dei ciclisti si trovi costantemente in pericolo, soprattutto quando si allena in strade trafficate. La tragedia di Davide Rebellin è ancora fresca nella memoria degli appassionati, e non si renda soltanto l’ennesima vittima dell’asfalto.

A cura della redazione di Inbici Magazine e OA Sport partner– Copyright© InBici Magazine ©Riproduzione Riservata

SHIMANO 105 BANNER BLOG FEBBRAIO
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
BETTINI PHOTO BANNER NEWS SPRINT AGENCY
SHIMANO BANNER Banner GENNAIO
CICLOPROMO FEBBRAIO REVOLOOP - BANNER SOPRA TOP NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *