SFONDO ASSOS
MAGNETIC DAYS 1 TOP BANNER
parigi-nizza-1-jpg
PARIGI NIZZA 1

PARIGI-NIZZA



 

Il kazako Alexey Lutsenko, talentuoso corridore dell’Astana classe 1992 e vincitore del Mondiale Under 23 nel 2012, ha conquistato la quinta tappa della Parigi-Nizza 2016 con un magistrale attacco da lontano che, però, non gli è valso la maglia gialla.

 

KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO

 

 

 

Il leader della manifestazione, che domani si deciderà con la frazione tra Nizza e La Madone d’Utelle (arrivo in salita), è infatti sempre l’australiano Michael Matthews (Orica-GreenEDGE), terzo dopo aver chiuso secondo la volata del gruppo dietro ad Alexander Kristoff (Team Katusha) e davanti all’italiano Davide Cimolai (Lampre-Merida). A sei secondi c’è proprio Lutsenko.

 

Ascesa d’autore nei 198 chilometri che hanno condotto il gruppo da Saint-Paul-Trois-Châteaux aSalon-de-Provence: a inizio corsa è stato infatti affrontato il terribile Mont Ventoux che, seppur in versione ridotta e senza i pendii più aspri, ha complicato la vita a molti atleti. Tra questi, il ritirato André Greipel (Lotto Soudal) e i caduti Frank Schleck (Trek-Segafredo) e Tony Gallopin (Lotto-Soudal). Il lussemburghese ha poi alzato bandiera bianca.

 

Antoine Duchesne (Direct Energie) ha attaccato ai -40, transitando solo sul Cote de la Roque d’Antheron, ma Alexey Lutsenko l’ha prima raggiunto scattando sul Cole de Seze e poi distanziato ai -15 dal traguardo con una grande spinta sui pedali. Le squadre dei velocisti, affaticate, non sono riuscite a organizzarsi in tempo e, con circa 30 secondi di margine, il kazako si è imposto in solitaria. Ancora nascosto Alberto Contador (Tinkoff): domani firmerà la zampata decisiva?

 

www.oasport.it

francesco.caligaris@oasport.it

 

Immagine
     

SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
Shimano Banner archivio Blog
INBICI STORE BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS BIANCO
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *