SFONDO ASSOS
SFONDO COSMOBIKE
Sfondo Assos
Assos Top
TOP Shimano
Home > Tutti gli Articoli > PEDALANDO COI CAMPIONI: AD ALICE DONADONI L’EDIZIONE DEL DEBUTTO DI EVANS E BASSO
Alice Donadoni e la sua squadra sul podio

PEDALANDO COI CAMPIONI: AD ALICE DONADONI L’EDIZIONE DEL DEBUTTO DI EVANS E BASSO

CASAZZA (BG) – In quella che è stata l’edizione del debutto di Cadel Evans, Ivan Basso, Riccardo Magrini e Andrea Tafi, la Pedalando coi campioni regala un’altra prima volta: a strappare il miglior tempo è stata Alice Donadoni, la prima donna ad aggiudicarsi la cronosquadra di beneficenza organizzata da Ennio Vanotti e dall’U.C. Casazza.

L’ex portacolori della Gauss e i suoi compagni di squadra del Team Morotti hanno coperto i 17 km del percorso in 21’ e 39”, alla media di 47,11 km/h, precedendo il quintetto capitanato da Alessio Bongioni e quello di Paolo Lanfranchi.

 

INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
BANNER Dentro Notizie SMP
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2

Ma la gioia della 29enne di Calcinate è solo una delle note liete di una manifestazione che è stata caratterizzata da mille belle notizie. Accompagnati da una giornata estiva, gli appassionati del ciclismo hanno potuto abbracciare 120 ex professionisti del calibro di Willy Debosscher, Tommy Prim, Claudio Chiappucci, Paolo Savoldelli, Francesco Moser, Michele Dancelli, Alessandro Vanotti, Stefano Allocchio e tante altre vecchie glorie del pedale. Con loro lungo i 17 km intorno al Lago di Endine oltre 500 amatori, tra cui la soubrette Justine Mattera, gli atleti paralimpici Luciano Caironi, Emanuele Bersini e Carlo Meroni, i tanti bambini delle formazioni orobiche e i ragazzi affetti dalla sindrome di down della Valcavallina Superbike.

il team del presidente Fci Lombardia Dagnoni e Justine Mattera

 

Insomma una memorabile giornata di festa, sport e solidarietà, che si è chiusa con la consegna del ricavato all’Associazione Cdkl5 – Insieme verso la cura, che si occupa di raccogliere fondi per la ricerca su questa rara malattia neurologica, e alla famiglia di Sharon Racamato, 20enne di Palazzago affetta da tetraparesi spastica, la cui felicità sul palco ha emozionato i presenti.

«Tutto è andato alla perfezione», afferma orgoglioso Ennio Vanotti. «Il fatto che Ivan Basso abbia espresso la volontà di tornare nel 2019 ci fa capire che è stata una grande giornata per tutti, al di là delle nostre più rosee aspettative».

Felicità condivisa dalla vincitrice Alice Donadoni, prima firma rosa della manifestazione.

«Siamo venuti a Casazza con l’idea di vincere e tutto è andato per il meglio», conferma l’atleta di Calcinate. «Tuttavia in una giornata del genere, il risultato cronometrico è l’ultima cosa che conta».

Paolo Tiralongo

Infatti, tra una strofa di Dino Zandegù e un’improvvisata Mamma Mia di Bruno Zanoni e Gibì Baronchelli (pronti al festival della canzone sportiva di Andora il 20 ottobre), la chiusura perfetta dell’evento l’ha trovata la giovane Sharon Racamato: con le lacrime di gioia agli occhi, la ragazza di Pagazzano ha parlato di una grande giornata di sport, con grandi sportivi al via e tante persone dal gran cuore. Il migliore spot per la Pedalando coi campioni che verrà.

 

 

Condividi
SVIZZERA DENTRO NOTIZIE
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
Banner dentro Notizia Assos
SVIZZERA DENTRO NOTIZIA 2
BANNER Dentro Notizie SMP

Ti potrebbero Interessare

Svelato il percorso della Gran Fondo Mare e Laghi

Prenderà il via dalla Torre Flavia di Ladispoli la prima edizione della Gran Fondo Mare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *