SFONDO ASSOS
MAGNETC DAYS 2 TOP BANNER
richmond-2015-3-jpg
RICHMOND 2015 3

RICHMOND 2015



C’erano tutte le premesse per un risultato storico: la forma, la stagione brillante, il trend positivo agli eventi iridati. C’erano tutte le premesse per riportare l’Italia sul podio della cronometro maschile élite, ventun anni dopo Andrea Chiurato: Adriano Malori ha centrato in pieno l’obiettivo.

 

E pazienza se nove secondi lo dividono dall’oro. Una beffa? No, perché davanti a lui c’è un atleta degnissimo, certamente non il favorito della vigilia, ma comunque un ragazzo che ha sempre saputo unire, seppur con una clamorosa irregolarità, straordinarie prestazioni sul passo a guizzi in alta montagna. Malori, invece, ha costruito il suo piccolo miracolo con costanza e determinazione: iniziando a collezionare titoli italiani, medaglie nelle categorie giovanili (sì, a volte capita che chi vince a livello giovanile si sappia confermare anche tra i più grandi), successi in corse del panorama internazionale, a partire da quella crono di Crevalcore alla Settimana Internazionale di Coppi e Bartali 2011. Da lì un passo in avanti ogni anno: nel 2012 il decimo posto iridato, nel 2013 la vittoria alla Bayern Rundfahrt e l’ottavo posto ai Mondiali fiorentini, poi la doppietta di tappe tra Tirreno-Adriatico e Vuelta col sesto posto alla prova di Ponferrada. E poi il 2015, appunto: una tappa al San Luis, il prologo della Tirreno, una frazione a testa al Circuit de la Sarthe e al Poitou-Charentes inframmezzate dal terzo tricolore. Ecco, forse proprio a Loudon, nella piccola corsa a tappe francese, battendo per l’ennesima volta Tony Martin il ventisettenne emiliano si è reso definitivamente conto del suo valore.

Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS

 

Lo ha confermato ieri, nella serata italiana, in uno splendido pomeriggio della Virginia. Argento, argento mondiale a cronometro, quella disciplina che – non a torto, visti i risultati – è sempre stata definita la pecora nera dell’altrimenti florido movimento ciclistico nazionale. Un argento da godersi pienamente, senza improbabili trasposizioni su scala olimpica o proiezioni futuribili: cosa si può volere di più di una medaglia ai Mondiali?

 

Infine, un plauso anche a Davide Cassani. La prima medaglia della sua gestione arriva al termine di un lavoro certosino e meticoloso, studiato di volta con gli atleti e con le squadre. Nella gara odierna risalta anche il decimo posto di Moreno Moser: alzi la mano chi ci avrebbe scommesso anche solo poche ore fa. Da un piazzamento del genere può rinascere un talento che, a fronte di 25 anni non ancora compiuti, non può certo essere etichettato come “bruciato”. E da un secondo posto, da una medaglia d’argento, ci si può godere un grande atleta che ha finalmente raggiunto la vetta più bella.

 

Fonte www.oasport.it

marco.regazzoni@oasport.it

Immagine
     

Shimano Banner archivio Blog
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
INBICI STORE BANNER NEWS
KTM AERO BANNER SOTTO TOP NEWS

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *