GSG.COM  SKIN BANNER
ITALIAN GRAVEL TROPHY BANNER TOP
BANNER CICLOPROMO FIVE BANNER TOP
sfide-epiche-2-jpg

SFIDE EPICHE



Da una parte un trentino ruvido e testardo, dall’altra un piemontese di Novara lunatico e permaloso. Storia di un dualismo che, negli anni ottanta, ha spaccato in due l’Italia del ciclismo

 

Aspettando di capire come evolverà il dualismo Aru-Nibali, l’ultima grande rivalità del ciclismo italiano è stata quella fra Francesco Moser e Giuseppe Saronni, la sfida che – a cavallo degli anni ’80 – vide, per la prima volta nel mondo delle due ruote, nascere il tifo organizzato in club.

ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
KTM AERO BANNER NEWS 5
Shimano Banner archivio Blog
KTM ROAD LIGHT BANNER NEWS 6
MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
CICLOPROMO ELEVEN -  BANNER  BLOG POSIZIONE 1
CLIF BAR BELTRAMI - BLOG
SCOTT BANNER NEWS
UCI GRAN FONDO WORLD SERIES BANNER BLOG

Francesco Moser assomma sino a 53mila appassionati nel suo magico 1984, anno che annota il doppio primato dell’ora in Messico, la vittoria nella Milano-Sanremo e, dopo tanti tentativi infruttuosi, il successo nel Giro d’Italia. Più o meno lo stesso numero di tifosi contabilizza Saronni nei primi anni ottanta, dopo la vittoria nella corsa rosa edizioni 1981 e 1983 con in mezzo il trionfo iridato di Goodwood dopo l’argento di Praga.

 

Ma al di là degli albi d’oro – per entrambi ricchissimi – il dualismo fra Moser e Saronni si alimenta, soprattutto, per ragioni extra-sportive ed affonda le sue radici nella genealogia dei due contendenti.

Da una parte Moser, trentino ruvido e testardo, dall’altra Saronni, piemontese di Novara, altrettanto orgoglioso, ma più lunatico e permaloso. Da una parte il passista, incapace di vertiginosi cambi di ritmo ma efficacissimo nelle sue progressioni; dall’altra il velocista un po’ sonnacchioso, bravo a nascondersi tra le pieghe del gruppo, ma letale negli ultimi metri quando – a gomiti spianati – bisogna sferrare l’ultimo colpo di reni.

Moser è il simbolo iconografico della fatica e del portatore d’acqua che si guadagna “sul campo” le stigmati del capitano; Saronni, invece, baciato dal talento, è l’uomo che sfrutta il lavoro dei gregari che gli “apparecchiano” sul rettilineo finale quella volata che, con formidabile tempismo, non sbaglia mai.

Moser è un “Bartali” dei tempi moderni, saggio, brontolone e sempre spietato contro i “succhiaruote”; Saronni è un mix tra Baronchelli e De Vlaeminck, capace come pochi di ottimizzare le sue energie.

Moser è soprannominato “Lo sceriffo”, per quell’aria da lider maximo con cui pedala nel cuore del gruppo; Saronni invece lo chiamano “Il Bimbo” perché ha poca barba e per quell’imprevedibilità che solo l’infanzia può garantire.

Protagonisti di memorabili scaramucce sotto il traguardo, alimentate con telegenica scaltrezza da Adriano De Zan, Moser e Saronni non si sono mai amati. Divisi da una profonda antipatia reciproca, si sono sfidati fino all’ultima stilla di sudore, dividendosi equamente vittorie e delusioni. Sempre con tenacia e rispetto. Ma – come diceva Venditti – “amici mai”.

 

fonte redazione iNBiCi Copyright © INBICI MAGAZINE

 

foto: I campioni del nostro ciclismo Giuseppe Saronni e Francesco Moser

 

Credit Bettiniphoto

1
2
   

MAGNETICDAYS IL MASSIMO DELLA TECNOLOGIA BANNER NEWS
CICLOPROMO ELEVEN -  BANNER  BLOG POSIZIONE 1
SCOTT BANNER NEWS
CLIF BAR BELTRAMI - BLOG
ACSI BANNER BLOG+ DENTRO NOTIZIE
Shimano Banner archivio Blog
KTM AERO BANNER NEWS 5
UCI GRAN FONDO WORLD SERIES BANNER BLOG
SHIPTOCYCLE  BANNER NEWS
KTM ROAD LIGHT BANNER NEWS 6

InBici Store

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *