SFONDO BANNER CHARLY GAUL
LA MOSERISSIMA BANNER SFONDO
SFONDO ASSOS
INBICI STORE BANNER TOP NERO
INBICI STORE BANNER TOP
Home > Tutti gli Articoli > TOUR DE FRANCE 2015
tour-de-france-2015-14-jpg
TOUR DE FRANCE 2015 14

TOUR DE FRANCE 2015



Il ciclismo è quello sport particolare, anzi unico nel suo genere, in cui vince un corridore solo, ma la squadra gioca un ruolo cruciale. Questo vale in ogni corsa, dalle grandi classiche sino al Giro, al Tour e alle rispettive tappe: senza una squadra di valore, tutto diventa più difficile.

 

Un anno fa, i soldati in maglia azzurra dell’Astana scortavano Vincenzo Nibali in ogni momento, da quelli più agevoli sino a quelli decisivi: non c’era metro in cui il siciliano non fosse accompagnato da qualche gregario, ovviamente con l’eccezione dei suoi attacchi personali che gli portarono in dote ben quattro successi di tappa essenziali per quella classifica finale meravigliosamente dominata. Del resto l’Astana era una corazzata, come lo è stata anche nel più recente Giro d’Italia al fianco, però, del giovane Fabio Aru: a questo Tour, invece, qualcosa sembra non girare per il verso giusto.

VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
PISSEI BANNER BLOG + DENTRO NOTIZIE 12 LUGLIO
Banner dentro Notizia Assos

 

Tante inquadrature dall’elicottero, oggi e nelle giornate precedenti, mostravano i consueti nuclei compatti delle varie formazioni attorno ai rispettivi capitani, indipendentemente che fossero velocisti o uomini di classifica. L’Astana no: maglie azzurre qua e là, Nibali spesso da solo. E una classifica che, pur vedendolo assolutamente in piena corsa per la vittoria finale (il bello deve ancora venire), non gli permette di sorridere come faceva un anno fa, già a questo punto del Tour, quando appunto l’Astana lo affiancava in ogni istante.

 

Cosa sia successo non è dato saperlo: come nel calcio e in qualunque altro sport, i “retroscena da spogliatoio” nascono e restano lì, e anzi tentare di ipotizzarli spesso conduce drammaticamente fuori strada. Certo è che Nibali, più volte intervistato dai giornalisti Rai in queste prime giornate di Grande Boucle, è apparso via via più nervoso, con un numero sempre minore di parole per commentare le proprie tappe: anche quando, come accaduto oggi, non perde terreno verso i rivali, la sensazione è che la squadra non giochi a suo favore. Una sensazione confermata, appunto, da un nervosismo che nessun cronista si ricorda di aver mai percepito prima d’ora da parte dello Squalo.

 

Rimanendo ai fatti, questi fanno notare la sorprendente assenza di Alessandro Vanotti, uno dei più fidi gregari di Nibali, dal roster del team kazako per il Tour, nonostante il tentativo esercitato in extremis per sostituirlo a Lars Boom a seguito dell’inconveniente di settimana scorsa. E l’altro fatto, senza entrare nelle scelte di formazioni che però hanno escluso contemporaneamente tre atleti come Aru, Landa e Tiralongo sulla carta molto utili sulle grandi montagne, è la solitudine di Vincenzo in molti, troppi passaggi di queste prime giornate. Il Tour è appena agli inizi, l’idea di un successo finale non è ancora stata compromessa: ma il giocattolo Astana deve al più presto riaggiustarsi e tornare a correre a fianco dello Squalo.

 

 

Fonte www.oasport.it

marco.regazzoni@oasport.it

Immagine
     

Condividi
BIVILLAGE BANNER BLOG+ DENTRO NEWS
INBICI TOP CHALLENGE - DENTRO NOTIZIE
PISSEI BANNER BLOG + DENTRO NOTIZIE 12 LUGLIO
VILLAGGIOSANFRANCESCO BANNER BLOG
INKOSPOR BLOG NEWS BANNER
ASSOS 2019 ARCHIVIO BLOG
Banner dentro Notizia Assos
DANILO DI LUCA BANNER BLOG
SELLE SMP BLOG + DENTRO NOTIZIE

Ti potrebbero Interessare

GIRO D’ITALIA DI HANDBIKE: A CASTEL DI SANGRO CRISTIAN GIAGNONI DOMINA LA QUINTA

Aria fresca di montagna, cielo azzurro e sole. Così Castel di Sangro ha accolto i …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *